Segretario di Stato dell’Arizona: Fontes sconfigge Finchem sostenuto da Trump per NPR

Adrian Fontes il 22 settembre.

Matt York/AP


Nascondi titolo

Cambia il titolo

Matt York/AP


Adrian Fontes il 22 settembre.

Matt York/AP

Secondo l’appello razziale dell’Associated Press, il democratico Adrian Fontes è candidato alle elezioni nella contea più grande dell’Arizona.

Fontes ha sconfitto il repubblicano Mark Finchem gruppo terroristico Guardiani del giuramento al Campidoglio degli Stati Uniti il ​​6 gennaio 2021.

Democratici, funzionari elettorali attuali ed ex ed esperti democratici hanno chiarito prima delle elezioni che una vittoria di Finchem potrebbe portare lo stato su un sentiero oscuro.

“La democrazia come sappiamo non durerà in Arizona”, ha avvertito l’ex presidente Barack Obama durante una manifestazione pre-elettorale per il Partito Democratico dello stato.

Chiamata gara in arrivo Alla fine di venerdì, Finchem è diventato l’ultimo rielettore ad essere sconfitto in questo ciclo in una segretaria competitiva di razza di stato, dopo la sconfitta dei candidati repubblicani. MichiganMinnesota e Nuovo Messico.

Mark Finchem il 22 settembre.

Matt York/AP


Nascondi titolo

Cambia il titolo

Matt York/AP


Mark Finchem il 22 settembre.

Matt York/AP

Finchem faceva parte alleanza I candidati al Segretario di Stato del GOP in tutto il paese hanno tutti corso sulla falsa premessa che l’attuale sistema elettorale sia corrotto. Binchem, che ha l’approvazione dell’ex presidente Donald Trump, ha chiesto una revisione del voto in Arizona che limiti l’accesso.

Finchem ha criticato la gestione elettorale dello stato Il conteggio è continuato Lo scorso giorno delle elezioni, e ha menzionato una sorta di cospirazione che coinvolge Fontes.

READ  Con le contestate manifestazioni della Florida di domenica, Trump e DeSantis anticipano una potenziale resa dei conti delle primarie presidenziali del GOP

Ma alla fine ha prevalso Fontes, l’ex cancelliere della contea di Maricopa, in Arizona.

Ora, in qualità di alto funzionario elettorale dello stato, dovrà affrontare come combattere la privazione dei diritti elettorali nel cuore della nazione.

Poco dopo la chiusura delle votazioni nel 2020 e il mandato di Fontes come registratore di contea, uno di questi Più popolare Le cospirazioni per il conteggio dei voti note come “SharpieGate” sono sbocciate a Maricopa.

Sei mesi dopo, è stato lanciato Cyber ​​​​Ninjas Ampiamente screditato “Scrutinio” dei voti lì (anche Fiducioso Biden ha vinto).

In un’intervista con NPR prima della chiusura delle urne, Fondas ha affermato di non essere timido nel denunciare la disinformazione sul voto.

“Ci toglieremo i guanti”, ha detto Fontes. “Non ho paura di chiamare bugiardi i negazionisti. … E non ho paura di far sapere alla gente che non ci sono due parti in questo conflitto. Una parte lo è. C’è la parte americana … e l’altra lato è illegale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.