Processo del 6 gennaio: Bar dice che Trump è “separato dalla realtà”

gen. Uno dei temi principali dell’udienza del secondo giorno della giuria del 6 giugno è stata la ripetuta affermazione che la sua “grande bugia” su un’elezione fraudolenta, inclusa quella del suo stesso procuratore generale, era infondata. Ma la notte delle elezioni ha comunque fatto una falsa affermazione e da allora non è stato più fermato.

Come hanno fatto durante l’udienza preliminare, i membri della commissione hanno affermato che il sig. Alcuni degli amici intimi e dei consiglieri di Trump hanno utilizzato prove video: l’ex procuratore generale William B. Per dimostrare che il Presidente dovrebbe sapere che le sue dichiarazioni sono prive di fondamento, comprese le sfacciate osservazioni di Barr.

Ecco alcuni altri suggerimenti dal secondo giorno di prova.

Dopo le elezioni, Trump è stato descritto come “fuori contatto con la realtà”.

Sig. La video testimonianza di Barin è stata molto stressante questa mattina, con l’ex procuratore generale, Mr. nei giorni precedenti le elezioni. Nella sua testimonianza, il sig. Barr ha ripetutamente detto al presidente che le sue accuse di frode erano infondate, ma che “non era interessato a quali sono i fatti reali”.

Sig. Il ritratto invisibile di Trump è un elemento chiave dell’argomento che il comitato sta cercando di presentare: Mr. Nonostante sapesse che le sue affermazioni su un’elezione fraudolenta non erano vere, le ha comunque inventate. Nelle settimane precedenti le elezioni, il sig. ha detto: “Quanto sono folli alcune di queste accuse”. Il signor Trump ha ripetutamente affermato. detto Bar.

Il comitato continua a perseguire Trump come noto bugiardo. Ma il sig. La testimonianza di Barr ha fornito un’altra possibile spiegazione: il presidente credeva davvero alle bugie che aveva detto.

READ  Joe Garcia, il marito di Hero Teacher Irma Garcia, muore pochi giorni dopo una sparatoria alla Rob Elementary School di Wolverhampton

“Ho pensato, ragazzo, se credi davvero a questa cosa, hai perso i contatti con lui – se crede davvero a queste cose, si è allontanato dalla realtà”, ha detto. Bar ha detto alla squadra.

Due gruppi circondavano Trump: “Team Normal” contro. “La squadra di Rudy.”

Una cosa che era chiara lunedì era che nei giorni e nelle settimane successive alle elezioni, il sig. C’erano due diversi gruppi di persone intorno a Trump.

Sig. Bill Stephen, il responsabile della campagna di Trump; In contrasto con il gruppo guidato dall’avvocato personale di Trump, Rudy Giuliani, ha classificato il suo gruppo come un “gruppo della natura”.

Un attivista repubblicano di alto livello, il sig. Gli aiutanti della campagna elettorale del signor Stephen, gli avvocati, i consiglieri della Casa Bianca e molti altri. Trump è stato invitato a ritirare le sue accuse di frode infondate. Sig. Il gruppo di Giuliani ha alimentato la paranoia del presidente e ha respinto le accuse infondate e immaginarie di raccolta di schede elettorali, frode alle macchine elettorali e altro. “Li chiamiamo la mia squadra e la squadra di Rudy”, ha detto. Stephen ha detto agli investigatori della squadra nelle interviste. “Non mi dispiace essere classificato come parte di un gruppo normale.”

Sig. Una descrizione dei due gruppi in competizione nell’orbita di Trump, Mr. I membri del comitato ritengono che questa sia la prova che Trump ha fatto una scelta: il comitato guidato da Giuliani dovrebbe essere ascoltato al posto di coloro che hanno fatto campagna per lui e hanno lavorato nella sua amministrazione. Sig. Trump ha scelto di ascoltare argomenti “folli” nelle parole “squadra normale”.

READ  Bitcoin diapositiva dopo che il prestatore di criptovalute ha disabilitato i prelievi di rete Celsius

La foto della Notte delle elezioni sta uscendo alla Casa Bianca.

Il processo di lunedì è iniziato con un ritratto chiaro della notte delle elezioni alla Casa Bianca, utilizzando testimonianze video di stretti consiglieri del presidente e di alcuni dei suoi membri. Fox News descrive la reazione del presidente e di coloro che lo circondano quando ha chiamato Arizona per Biden Jr. La famiglia, tuttavia, ha preso il consiglio di avvertimento che ha ricevuto al sig. Il pannello ha mostrato come Trump è stato respinto.

Avendo già spiegato che i voti dei Democratici sarebbero stati conteggiati dall’oggi al domani, ha esortato il presidente a non annunciare in anticipo la vittoria. ha detto Stefano nel video. Sig. Trump lo ha ignorato, Mr. Stefano et al. Invece, ha ascoltato gli assistenti di Rudy Giuliani dire che era ubriaco quella notte e ha chiesto che il presidente vincesse e che le elezioni fossero truccate.

L’editore politico di Fox News Chris Steerwald, che è stato licenziato per la sua chiamata in onda per l’Arizona, ha detto al comitato che il cambiamento nei rendimenti quella notte non è stato maggiore di quanto affermato dal presidente nel voto democratico. Calcolato dopo il Partito Repubblicano. Era orgoglioso che la sua squadra avesse prima chiamato i risultati dell’Arizona con precisione e Mr. Trump ha detto che c’era una possibilità “zero” di vincere in quello stato.

Il comitato ha affermato che milioni di dollari sono stati inviati all’inesistente “Fondo per la sicurezza elettorale”.

Questa non è solo una “grande bugia” secondo il comitato del 6 gennaio. Questo è il “grande strappo”.

READ  Proiezioni e punti di atterraggio della free agency NBA aggiornati | Rapporto Bleacher

In un video di presentazione che conclude la sua seconda udienza, nel tentativo di persuadere i sostenitori del presidente a inviare milioni di dollari a qualcosa chiamato “fondo di sicurezza elettorale”, Mr. La giuria ha descritto come Trump e i suoi aiutanti della campagna hanno utilizzato accuse infondate di frode elettorale. Secondo il comitato, il sig. I sostenitori di Trump hanno donato 100 milioni di dollari nella prima settimana dopo le elezioni, sperando che i loro soldi avrebbero aiutato il presidente a lottare per cambiare il risultato.

Ma un investigatore del panel ha affermato che non c’erano prove dell’esistenza di tali fondi. Invece, milioni di dollari sono confluiti nel super PAC istituito dal presidente il 9 novembre, a pochi giorni dalle elezioni. Secondo il comitato, il PAC ha raccolto $ 1 milione. Inviato a un ente di beneficenza gestito dall’ex amministratore delegato di Trump, Mark Meadows, e $ 1 milione a un comitato politico gestito da molti dei suoi ex dipendenti, tra cui l’architetto Stephen Miller. Sig. L’agenda di Trump sull’immigrazione.

Joe Lofgreen, un democratico in California, ha riassunto i risultati: “Durante le indagini del comitato, abbiamo trovato prove che la campagna di Trump e i suoi vice hanno fuorviato i donatori su dove sarebbero andati i soldi e per cosa sarebbero stati usati”. Ha aggiunto: “Quindi non solo quella era una grande bugia, ma c’era anche un grande strappo. I donatori meritano di sapere dove stanno andando davvero i loro soldi. Meritano più del presidente Trump e della sua squadra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.