L’ucraino Zelenskiy avverte gli europei di affrontare l’oscuro inverno

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

  • Zelensky: la Russia pianifica “un colpo di energia decisivo su tutti gli europei”
  • La Russia ritarda la riapertura del gasdotto verso l’Europa
  • L’AIEA afferma che la linea è interrotta allo stabilimento di Zaporizhia ma il backup funziona

KIEV, 4 set. (Reuters) – Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha affermato che gli europei possono aspettarsi un inverno duro, visto che l’offensiva russa nel suo paese taglierà le esportazioni di petrolio e gas di Mosca.

Zelenskiy ha parlato dopo che Mosca ha chiuso sabato sera un importante gasdotto che fornisce gas russo al continente.

“La Russia sta preparando un colpo di energia decisivo su tutti gli europei questo inverno”, ha detto nel suo discorso video quotidiano.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Mosca ha citato le sanzioni occidentali per la sua invasione dell’Ucraina e problemi tecnici per interruzioni energetiche. I paesi europei che hanno sostenuto il governo di Kiev con il supporto diplomatico e militare hanno accusato la Russia di armare le forniture energetiche.

Alcuni analisti affermano che la carenza e l’aumento del costo della vita con l’avvicinarsi dell’inverno minacciano di erodere il sostegno occidentale ai governi per affrontare le popolazioni scontente.

La scorsa settimana Mosca ha dichiarato che avrebbe chiuso l’oleodotto Nord Stream 1, il suo principale canale di gas verso la Germania, e i paesi del G7 hanno annunciato limiti di prezzo pianificati per le esportazioni di petrolio russe.

Il Cremlino ha affermato che congelerà le vendite di petrolio a tutti i paesi che applicano il limite.

READ  I Seahawks hanno nominato Geno Smith titolare

Il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha dichiarato domenica che il suo governo prevede di interrompere completamente le forniture di gas a dicembre, ma ha promesso che il suo paese lo farà in inverno.

“La Russia non è più un partner energetico affidabile”, ha detto Scholes in una conferenza stampa a Berlino.

Linea elettrica giù a Zaporizhia

La centrale nucleare di Zaporizhzhia occupata dai russi nell’Ucraina meridionale ha nuovamente perso energia esterna, hanno affermato sabato gli ispettori delle Nazioni Unite.

L’ultima linea elettrica esterna principale rimasta è stata interrotta, sebbene una linea di riserva abbia continuato a fornire energia alla rete, ha affermato in una nota l’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA). leggi di più

Diceva che solo uno dei suoi sei reattori era operativo.

L’impianto è stato sequestrato dalle truppe russe poco dopo che il 24 febbraio il presidente Vladimir Putin ha inviato il suo esercito al confine ed è diventato un punto focale del conflitto.

Ciascuna parte ha incolpato l’altra per i bombardamenti vicini, che hanno sollevato timori che potesse innescare un disastro nucleare.

La situazione intorno allo stabilimento è rimasta calma finora domenica, ha affermato un funzionario dell’amministrazione stabilita dalla Russia a Zaporizhia.

READ  Bitcoin diapositiva dopo che il prestatore di criptovalute ha disabilitato i prelievi di rete Celsius

Parlando alla radio Komsomolskaya Pravda, il funzionario, Vladimir Rogov, ha affermato che non ci sono stati bombardamenti o infiltrazioni. La Russia ha accusato due volte l’Ucraina di aver tentato di sequestrare l’impianto negli ultimi due giorni. L’Ucraina ha riferito che la Russia ha lanciato un attacco nell’area.

Rokov avrebbe affermato che gli esperti dell’AIEA avrebbero continuato a lavorare nello stabilimento almeno fino a lunedì.

Una missione dell’AIEA la scorsa settimana ha visitato l’impianto, che è ancora gestito da lavoratori ucraini, e alcuni esperti sono rimasti lì fino a quando l’AIEA non ha pubblicato il suo rapporto. leggi di più

L’impianto ha affermato in una dichiarazione sabato che il quinto reattore è stato spento “a causa dei continui bombardamenti delle forze di occupazione russe” e che c’era “capacità insufficiente dall’ultima linea di riserva per far funzionare due reattori”.

Zelenskiy ha accusato i bombardamenti russi del cutoff del 25 agosto, che ha tagliato fuori il primo Zaporizhzhia dalla rete nazionale, evitando per un pelo una fuga di radiazioni. Quella chiusura ha innescato blackout in tutta l’Ucraina.

L’Ucraina e l’Occidente accusano la Russia di immagazzinare lì armi pesanti per scoraggiare i bombardamenti dell’Ucraina. La Russia, che nega di avere tali armi lì, ha resistito agli appelli internazionali di ricollocare le truppe e smilitarizzare la regione.

Su altri fronti, i canali ucraini di Telegram hanno riferito di esplosioni al ponte Antonievsky vicino alla città meridionale di Kherson, occupata dalle forze russe.

Il ponte è stato gravemente danneggiato dai missili ucraini nelle ultime settimane, ma le truppe russe stanno cercando di ripararlo o di allestire un pontile o chiatte per mantenere i rifornimenti alle unità russe sulla riva destra del fiume Dnipro.

READ  Rakesh Jhunjhunwala, "Warren Buffet of India", è morto a 62 anni.

L’Ucraina ha lanciato una controffensiva la scorsa settimana contro il sud, in particolare la regione di Kherson che è stata catturata dai russi all’inizio del conflitto.

(Questa storia corregge il nome dell’ufficiale nel paragrafo 15)

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Segnalazione di Tom Balmforth a Kiev; Rapporti aggiuntivi da parte degli uffici di Michael Shields, Ron Bobsky e Reuters; Scritto da Simon Cameron-Moore e Angus MacSwan; Montaggio: William Mallard e Philippa Fletcher

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.