L’OMS afferma che l’epidemia di vaiolo delle scimmie potrebbe portare a un’infezione

LONDRA, 30 maggio (Reuters) – L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha dichiarato lunedì di non ritenere che il vaiolo delle scimmie possa diffondersi in altre parti del mondo e ha affermato che non è chiaro se possa diffondere la malattia a persone che non hanno mostrato sintomi.

A maggio sono stati segnalati più di 300 vaiolo delle scimmie sospettato e confermato, generalmente trasmesso da stretto contatto con una malattia lieve che causa sintomi simil-influenzali e lesioni cutanee purulente, principalmente in Europa.

L’OMS sta valutando se l’eruzione debba essere classificata come una “potenziale emergenza sanitaria pubblica di interesse internazionale” o PHEIC. Tale annuncio, fatto per Govt-19 ed Ebola, aiuterebbe ad accelerare la ricerca e i finanziamenti per controllare la malattia. leggi di più

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Alla domanda se la scimmia avesse il potenziale per diventare una pandemia, Rosamond Lewis, leader tecnologico per l’influenza delle scimmie del Programma di emergenza sanitaria dell’OMS, ha dichiarato: “Non lo sappiamo, ma non la pensiamo così”.

“Al momento, non siamo preoccupati per un’epidemia globale”, ha affermato.

Ha aggiunto che una volta che la scimmia è stata infettata dal virus, il periodo di insorgenza dell’eruzione cutanea e dell’eruzione cutanea viene riconosciuto come il momento dell’infezione, ma ci sono informazioni limitate sul fatto che il virus sia trasmesso da persone asintomatiche.

READ  I futures su azioni salgono mentre Wall Street registra una serie di sconfitte da 3 settimane

“Non sappiamo ancora se ci sia una diffusione asintomatica della scatola delle scimmie – segni che questa non è una grande caratteristica – ma resta da determinare”, ha detto.

Resta inteso che il ceppo del virus intrappolato nell’eruzione ucciderà una piccola parte delle vittime, ma finora non sono stati segnalati decessi.

La maggior parte dei casi è più diffusa in Europa rispetto ai paesi dell’Africa centrale e occidentale, dove il virus si diffonde e non è principalmente legato ai viaggi.

Pertanto, gli scienziati stanno esplorando quale sia l’aumento di questi casi insoliti, mentre i funzionari della sanità pubblica sospettano che ci sia una certa prevalenza sociale.

Alcuni paesi hanno iniziato a offrire vaccini per uno stretto contatto con casi confermati. leggi di più

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Relazione di Natalie Grover a Londra; Montaggio di Toby Chopra, David Holmes e Alison Williams

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.