Le vendite di case di giugno sono diminuite del 5,4% rispetto a maggio e i prezzi hanno stabilito un altro record

Un cartello è posto davanti a una casa in vendita il 14 luglio 2022 a San Francisco, California.

Justin Sullivan | Belle foto

Secondo un rapporto mensile della National Association of Realtors, le vendite di case precedentemente possedute a giugno sono diminuite del 5,4% rispetto a maggio poiché i prezzi hanno raggiunto record e i prezzi sono aumentati.

I numeri di vendita sono scesi a un tasso annuo destagionalizzato di 5,12 milioni di unità il mese scorso, ha affermato il gruppo. Le vendite sono diminuite del 14,2% rispetto a giugno 2021.

Questo è il ritmo di vendita più lento nello stesso mese del 2020, dopo il periodo di vendita più basso all’inizio della pandemia. A parte questo, è stato il ritmo più lento da gennaio 2019 e il totale annuale 2019, pre-pandemia.

Questi numeri si basano sulle chiusure di case, quindi è probabile che gli accordi siano stati firmati ad aprile e maggio, quando il tasso medio su un mutuo fisso a 30 anni era superiore al 6% e l’inflazione stava salendo verso tassi che non si vedevano dall’inizio degli anni ’80.

“È chiaramente a causa del calo dell’accessibilità economica”, ha affermato Lawrence Yun, capo economista per le società immobiliari. “Non abbiamo mai visto i tassi dei mutui aumentare così velocemente. Anche le persone che vogliono acquistare hanno un prezzo”.

Alla fine di giugno erano in vendita 1,26 milioni di case. È un aumento del 2,4% rispetto al giugno precedente e il primo guadagno annuale in tre anni. Al ritmo di vendita attuale, l’inventario è ora in una fornitura di tre mesi. È ancora sottovalutato, ma in miglioramento. L’offerta è in aumento perché più venditori stanno forse cercando di trarre vantaggio dall’ultima tappa di un boom immobiliare rovente e alimentato dalla pandemia e perché le case ora sono sul mercato più a lungo.

READ  Rakesh Jhunjhunwala, "Warren Buffet of India", è morto a 62 anni.

Tuttavia, un’offerta ancora più stretta sta mantenendo il riscaldamento al di sotto dei prezzi delle case. Il prezzo medio delle case esistenti vendute a giugno ha stabilito un altro record a $ 416.000, in aumento del 13,4% anno su anno.

L’attività continua ad essere forte nella fascia alta del mercato, dove c’è più offerta. Ad esempio, le vendite di case con un prezzo compreso tra $ 100.000 e $ 250.000 sono diminuite del 31% anno su anno, mentre le vendite di case con un prezzo compreso tra $ 750.000 e $ 1 milione sono aumentate del 6%. Le vendite di 1 milione di dollari di case sono aumentate del 2%. La fascia alta si è indebolita poiché i confronti anno su anno sono stati molto elevati negli ultimi mesi.

Sebbene le vendite siano in calo, il mercato è ancora incredibilmente veloce. Il tempo medio che una casa ha trascorso sul mercato è stato di 14 giorni, un minimo storico.

“È un numero da grattacapo, date le vendite lente”, ha detto Yun. “Le persone stanno cercando di trarre vantaggio dal blocco dei tassi di interesse. Questo potrebbe spiegare perché i giorni di mercato sono veloci”.

Le vendite diminuiranno più nettamente nei prossimi mesi poiché i recenti indicatori indicano una domanda molto debole da parte degli acquirenti. Richieste di mutuo È sceso al minimo di 22 anni La scorsa settimana, la domanda di acquirenti di case è scesa del 19% rispetto alla stessa settimana di un anno fa, secondo la Mortgage Bankers Association.

“Sulla base delle tendenze in questa fase del ciclo abitativo e economico, mi aspetto che l’accessibilità sia un fattore più importante della disponibilità”, ha affermato Daniel Hale, capo economista di Realtor.com. “Stiamo già vedendo aree convenienti nel nord-est e nel Midwest in cima ai mercati domestici più caldi di Realtor.com per giugno, poiché gli acquirenti domestici continuano a utilizzare la flessibilità sul posto di lavoro mentre cercano modi per ridurre i costi abitativi”.

READ  Notizie recenti sulla guerra in Russia e Ucraina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.