Le azioni sono scese per il secondo giorno mentre i rendimenti dei Treasury hanno continuato a raggiungere nuovi massimi

Giovedì le azioni sono scese a ritmo sostenuto, poiché gli investitori hanno valutato diversi rapporti sugli utili chiave e hanno tenuto d’occhio il mercato obbligazionario mentre i rendimenti dei Treasury hanno continuato a salire.

La media industriale del Dow Jones è scesa di 90,22 punti, o dello 0,30%, a 30.333,59. L’S&P 500 è sceso dello 0,80% a 3.665,78. Il Nasdaq Composite ha chiuso in ribasso dello 0,61% a 10.614,84. Il Dow è salito di quasi 400 punti al picco della sessione, ma le azioni sono svanite quando i rendimenti dei Treasury sono aumentati.

Giovedì, il rendimento del Tesoro decennale di riferimento ha raggiunto un massimo del 4,239%, scambiato a livelli che non si vedevano dal 2008. L’aumento dei tassi è stato un vento contrario per le azioni per tutto l’anno poiché la Federal Reserve continua a cercare di allentare le pressioni inflazionistiche. Decenni.

“Finché c’è una politica ufficiale Per far scendere il mercato azionarioQuindi le persone saranno meno ricche, quindi compreranno meno cose, così i prezzi potranno smettere di salire e riteniamo che la posizione corretta sia aumentare la volatilità e l’inflazione delle azioni senza fare nulla per la politica fiscale”, ha detto David Einhorn di Greenlight Capital in una lettera per gli investitori ottenuta dalla CNBC.

Le azioni sono in calo per due giorni consecutivi, ma le medie principali sono aumentate di oltre il 2% per la settimana.

Diversi utili forti riportano perdite limitate per il mercato, con AT&T e IBM in aumento rispettivamente del 7,7% e del 4,7%, dopo aver battuto le stime dei massimi e dei minimi nei loro trimestri più recenti.

READ  Il giudice respinge la causa di Trump contro Hillary Clinton per le elezioni del 2016

Sul lato negativo, le azioni di Tesla sono scese di oltre il 6% dopo che il produttore di veicoli elettrici ha dichiarato mercoledì sera che prevede di non raggiungere l’obiettivo di consegna del 2022. La società ha anche registrato guadagni trimestrali Ha deluso le aspettative degli analisti.

Nonostante il contesto in aumento dei rendimenti dei Treasury e una stagione degli utili del terzo trimestre migliore del previsto finora, molti strateghi sono scettici sul fatto che il mercato possa sostenere un rally a breve termine.

“La nostra ipotesi è che i guadagni saranno sufficienti per mantenere il mercato in un trading range, ma non abbastanza per rimandarlo a metà estate e data la natura accomodante della politica monetaria, diremmo che il mercato è fuori tempo. Vediamo i tassi statunitensi spingersi verso un nuovo massimo ciclico, che l’USD vedrà i suoi aiuti sottoquotare i concorrenti”, ha affermato in una nota Michael Scholl di MarketField Asset Management.

Giovedì, infatti, il dollaro ha raggiunto il suo livello più alto contro lo yen giapponese dal 1990.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.