L’Arabia Saudita firma un accordo con Huawei per approfondire i legami con la Cina durante la visita di Xi

  • In contrasto con la visita di Biden, Xi riceve un sontuoso ricevimento a Riyadh
  • Il leader cinese ha inaugurato una nuova era nei rapporti con i Paesi arabi
  • Gli Stati Uniti diffidano della crescente influenza della Cina

RIYADH, 8 dicembre (Reuters) – L’Arabia Saudita e la Cina hanno propagandato l’approfondimento dei legami con una serie di accordi strategici durante la visita di giovedì del presidente Xi Jinping, anche per il colosso tecnologico Huawei, tra le crescenti preoccupazioni per la sicurezza degli Stati Uniti nella regione del Golfo. .

Re Salman ha firmato un “accordo di partenariato strategico globale” con Xi per un sontuoso ricevimento in un Paese che sta forgiando nuove partnership globali oltre l’Occidente.

Portando bandiere cinesi e saudite e cavalcando cavalli arabi, l’auto di Xi è stata scortata da membri della guardia reale saudita al palazzo del re, dove in seguito ha partecipato a un ricevimento.

Il leader cinese ha avuto colloqui con il principe ereditario Mohammed bin Salman, sovrano de facto dei colossi petroliferi, che lo ha accolto con un caloroso sorriso. Xi ha dichiarato una “nuova era” nelle relazioni arabe.

L’esibizione era in netto contrasto con l’accoglienza discreta riservata al presidente degli Stati Uniti Joe Biden a luglio, i cui legami sono stati messi a dura prova dalla politica energetica saudita e dall’assassinio di Jamal Khashoggi nel 2018.

Gli Stati Uniti, che sono stati diffidenti nei confronti della crescita della Cina e delle relazioni con Riyadh, hanno affermato mercoledì che la visita di Xi è stata un esempio degli sforzi cinesi per esercitare influenza in tutto il mondo e non cambierà la politica degli Stati Uniti nei confronti del Medio Oriente.

READ  L'uragano Roslyn atterra in Messico con "una tempesta pericolosa per la vita"

Una nota con la cinese Huawei Technologies [RIC:RIC:HWT.UL], il cloud computing e la creazione di campus ad alta tecnologia nelle città saudite sono stati concordati nonostante il disagio degli Stati Uniti nei confronti degli alleati del Golfo per il potenziale rischio per la sicurezza derivante dall’utilizzo della tecnologia dell’azienda cinese. Huawei ha partecipato alla costruzione di reti 5G nella maggior parte dei paesi del Golfo nonostante le preoccupazioni degli Stati Uniti.

Il principe Mohammed, che ha battuto i pugni di Biden invece di stringere la mano a luglio, è tornato sulla scena mondiale dopo l’assassinio di Khashoggi e ha affrontato la rabbia americana per le forniture di petrolio di Washington e le pressioni per aiutare a isolare la Russia.

Migliorando ulteriormente le sue credenziali internazionali, l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti hanno condotto uno sforzo di mediazione congiunta tra il principe e gli Emirati Arabi Uniti che ha portato allo scambio della star del basket statunitense Brittney Griner come prigioniera di guerra con la Russia.

In un’edizione pubblicata sui media sauditi, Xi ha affermato di essere in un “viaggio pionieristico” per “aprire una nuova era delle relazioni della Cina con il mondo arabo, gli Stati arabi del Golfo e l’Arabia Saudita”.

Cina e Paesi arabi “continueranno ad alzare la bandiera della non interferenza negli affari interni”, ha aggiunto Xi.

Questo sentimento è stato ripreso dal principe ereditario, che ha affermato che il suo paese si oppone a “interferenze negli affari interni della Cina in nome dei diritti umani”, secondo l’emittente statale cinese CCTV.

READ  Un satellite NOAA cattura il mosaico terrestre e mostra una splendida vista panoramica

Xi ha affermato che la Cina lavorerà per rendere i vertici “eventi fondamentali nella storia delle relazioni sino-arabe” mentre venerdì incontra altri produttori di petrolio del Golfo e partecipa a un ampio raduno di leader arabi, aggiungendo che Pechino “considera Riyadh molto importante”. Il potere in un mondo multipolare”.

Altri stati del Golfo, come l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti, hanno affermato che non sceglieranno da che parte stare tra le potenze globali e stanno diversificando i partner per servire gli interessi economici e di sicurezza nazionali.

“Partner di fiducia”

La Cina, il più grande consumatore di energia al mondo, è un importante partner commerciale degli stati del Golfo e i legami bilaterali si sono espansi, stimolando la diversificazione economica nella regione, sollevando le ire degli Stati Uniti per il coinvolgimento della Cina nelle sensibili infrastrutture del Golfo.

Mercoledì il ministro dell’Energia saudita ha affermato che Riyadh sarebbe un partner energetico “affidabile e affidabile” per Pechino e che i due aumenterebbero la cooperazione nelle catene di approvvigionamento energetico istituendo un hub regionale per le industrie cinesi nel regno.

Le società cinesi e saudite hanno firmato 34 accordi per investire in energia verde, tecnologia dell’informazione, servizi cloud, trasporti, costruzioni e altri settori, ha riferito l’agenzia di stampa statale SPA. Non ha fornito cifre, ma in precedenza ha affermato che i due paesi avrebbero siglato accordi iniziali per un valore di $ 30 miliardi.

Tang Tianbo, un esperto di Medio Oriente presso il China Institute of Contemporary International Relations (CICIR), un think tank affiliato al governo cinese, ha affermato che la visita amplierà ulteriormente la cooperazione energetica.

READ  L'India blocca il gioco di Grafton secondo la stessa legge utilizzata dalla Cina per vietare l'app-sourcing

Reportage di Aziz El Yacoubi a Riyadh e Eduardo Baptista a Pechino; Scritto da Tom Perry e Dominic Evans; Montaggio di Keita Candes e Nick MacPhee, William McLean

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.