La tempesta di citazioni del Dipartimento di Giustizia amplia i potenziali problemi legali di Trump



CNN

Un sorprendentemente ampio Un colpo di citazione Contro più di 30 ex funzionari e aiutanti della campagna L’ex presidente Donald Trump Rappresenta un chiaro segnale della gravità dell’indagine penale della magistratura sugli eventi circostanti Ribellione del Campidoglio degli Stati Uniti.

La mossa rivelata lunedì suggerisce anche che Trump potrebbe riuscire a rallentare un’indagine separata sulla conservazione di informazioni riservate a Mar-a-Lago. La sua possibile manifestazione Conseguenze legali profonde e minacciose. Trump non è stato accusato in nessuna delle due indagini.

Ma le citazioni mostrano che l’indagine del Dipartimento di Giustizia, che è in corso dietro le quinte da mesi e ha spinto i critici di Trump a esprimere frustrazione al procuratore generale Merrick Garland, è più ampia di quanto precedentemente noto. E sembra intensificarsi, con gli investigatori che restringono la loro attenzione sulla base di altre citazioni, prove e testimonianze.

“Questo è ciò che vengono condotte le indagini classiche, risale la catena”, ha detto lunedì a Erin Burnett della CNN David Laughman, ex capo della divisione controspionaggio e controllo delle esportazioni del Dipartimento di giustizia.

“Ora includono persone che sono sempre più vicine al presidente per saperne di più su ciò che il presidente sa e quando lo sa”.

L’ex presidente due volte messo sotto accusa è riuscito a porre fine alla carriera dei politici convenzionali per molto tempo, senza inchieste legali e scandali. Ma è chiaro che deve affrontare preoccupazioni legali su più fronti legati al suo tentativo di ribaltare i risultati delle elezioni del 2020. Gli dava un potere quasi illimitato senza controllo.

Più di 30 nuove citazioni hanno depositato documenti e alcune testimonianze davanti a un gran giurì affermano che il DOJ sta indagando su un piano per creare elettori fraudolenti per invalidare la vittoria del presidente Joe Biden negli stati oscillanti nel 2020, secondo le notizie. Uno sguardo agli sforzi di raccolta fondi di Trump e al modo in cui è stata organizzata la manifestazione “Stop the Steel” dell’ex presidente il 6 gennaio 2021, secondo nuove informazioni riportate dalla CNN, alcune delle quali sono state rivelate per la prima volta dal New York Times.

Le citazioni si sono accumulate negli ultimi giorni appena prima di un periodo tranquillo di 60 giorni in cui il DOJ cerca in genere di evitare di influenzare le elezioni attraverso indagini politicamente sensibili. Le elezioni di medio termine di novembre determineranno il destino del Senato e della Camera dei Rappresentanti, oltre a molte cariche statali e locali. Trump ha svolto un ruolo chiave nella campagna del 2022, citando le sue false affermazioni secondo cui è stato estromesso illegalmente dall’incarico in un’elezione truccata.

I sostenitori di Trump includono il suo ex manager della campagna Bill Stepien e l’ex chief financial officer della campagna, Sean Tolman, fonti che hanno familiarità con la questione hanno detto alla CNN. Anche Dan Scavino, ex vicepresidente di Trump e guru dei social media, ha ricevuto un mandato di comparizione, secondo una fonte a conoscenza della questione. Nessuno dei tre ha risposto alle richieste di commento. Brian Jack, l’ultimo direttore politico della Casa Bianca sotto Trump, è stato citato in giudizio, secondo una fonte a conoscenza della situazione. Jack non ha risposto alle richieste di commento della CNN.

La rivelazione arriva a un comitato ristretto della Camera che indaga sui disordini del 6 gennaio Si riunirà martedì per discutere i prossimi passi La sua indagine e le possibili nuove udienze televisive hanno seguito le sessioni programmate durante l’estate per dipingere un quadro più profondo del comportamento di Trump dopo le ultime elezioni.

Il panel dovrebbe discutere dell’invito a comparire Trump e l’ex vicepresidente Mike Pence. Fonti hanno affermato che i due membri del panel non avrebbero dovuto testimoniare, ma alcuni credevano che avrebbero dovuto essere ascoltati nel verbale date le circostanze insolite del tentativo dell’ex presidente di affondare un pacifico trasferimento di potere dopo un’elezione democratica.

Il colpo di stato arriva nel mezzo di un’indagine in Georgia sui presunti tentativi di convincere i funzionari locali a ribaltare la vittoria di Biden nello stato di oscillazione critica.

Tutte queste sonde sono state oscurate negli ultimi giorni da un’altra battaglia legale sull’accaparramento di documenti riservati da parte di Trump nella sua tenuta di Mar-a-Lago in Florida, che ha portato a una lunga situazione di stallo con il Dipartimento di Giustizia e, infine, a una perquisizione da parte dell’FBI delle sue proprietà. Lo scorso mese.

Gli avvocati dell’ex presidente hanno sostenuto in un nuovo deposito del caso lunedì che un giudice dovrebbe respingere il tentativo del Dipartimento di Giustizia di continuare a esaminare il materiale classificato come parte della sua indagine penale. Il dipartimento afferma che il divieto originale del giudice è impossibile per consentire efficacemente alla comunità dell’intelligence di valutare il potenziale danno derivante dalla gestione delle informazioni riservate da parte dell’ex presidente e rappresenta un grave rischio per la sicurezza nazionale.

In una spiegazione tipicamente dettagliata della presidenza, Trump ha sostenuto in un deposito di lunedì che aveva ampia autorità per declassificare i documenti nel suo ex ufficio e che un ex presidente dovrebbe avere un “diritto assoluto di accesso” ai documenti presidenziali. classificato o meno. Diversi ex alti funzionari della sicurezza nazionale rifiutano l’idea che l’ex presidente avesse una sorta di piano per declassificare in massa i documenti, ha riferito la CNN. Anche se lo fa, il Presidential Records Act afferma che i documenti presidenziali sono negli archivi nazionali.

Ma con una mossa audace, il team legale di Trump ha cercato di minimizzare il significato della controversia.

“Al centro c’è una controversia sull’archiviazione di documenti che sta andando fuori controllo, con il governo che cerca ingiustamente di criminalizzare il possesso da parte del 45esimo presidente dei propri documenti presidenziali e personali”, ha scritto il team legale di Trump al giudice Eileen Cannon. Trump ha nominato un avvocato di terze parti, noto come maestro speciale, per presiedere il caso mentre cerca di rivedere i documenti per problemi di privilegi.

Ciascuna delle affermazioni del team di Trump è molto controversa e sembra in conflitto con le letture più convenzionali della legge statunitense. L’argomento secondo cui Mar-a-Lago è una struttura sicura e le prove sono conservate in una stanza chiusa a chiave sembra ignorare il fatto che alcuni dei 100 documenti sequestrati dall’FBI a casa di Trump contenevano la classificazione più alta del governo degli Stati Uniti. e di solito possono essere visti solo da funzionari selezionati in luoghi altamente sicuri. E il Washington Post ha riferito la scorsa settimana che le informazioni sequestrate dall’FBI a casa sua includevano segreti sul programma nucleare di un paese straniero. Tali informazioni sarebbero tra le informazioni più protette e riservate in possesso del governo.

Le argomentazioni di Trump possono spesso sembrare schiette. Ma possono realizzare qualcosa che vuole – ritardare qualsiasi azione legale formale contro di lui il più a lungo possibile aprendo ancora più ricorsi attraverso i livelli del sistema giudiziario.

Nel caso del dramma dei documenti riservati, significa che il caso si estende fino alla campagna del 2024, quando si prevede che Trump proverà a riconquistare la Casa Bianca. L’ex presidente ha già criticato l’azione del Dipartimento di Giustizia come esempio di molestia politica, un’accusa che sicuramente si intensificherà durante la corsa presidenziale.

Ma le nuove indicazioni di lunedì sulla natura estesa delle indagini fino al 6 gennaio sollevano dubbi su quanto tempo Trump possa ritardare più indagini derivanti dalla sua incapacità di accettare una perdita del 2020.

READ  John Wall si unisce ai LA Clippers dopo l'acquisizione degli Houston Rockets, dicono le fonti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.