La Corte Suprema del Michigan ha ordinato che un’iniziativa per i diritti all’aborto comparisse nel ballottaggio di novembre



CNN

La Corte Suprema del Michigan ha emesso l’ordine giovedì Provvedimento elettorale di iniziativa dei cittadini Il diritto all’aborto dovrebbe essere incluso nella costituzione dello stato al ballottaggio di novembre.

La sentenza 5-2 della corte è stata rilasciata il giorno prima che lo scrutinio del Michigan fosse finalizzato venerdì.

L’ordinanza ordina al consiglio statale dei propagandisti di certificare che tutte le petizioni sono riproduttivamente sufficienti e idonee per essere inserite nel ballottaggio. Viene dopo il tabellone Senza uscita In un voto 2-2 in linea di partito sull’opportunità di certificare l’iniziativa del ballottaggio la scorsa settimana, Reproductive Freedom for All ha chiesto l’intervento della Corte Suprema.

La misura comparirà nella scheda elettorale come Proposta 3, che stabilirebbe “un diritto individuale alla libertà riproduttiva, compreso il diritto di prendere e attuare tutte le decisioni sulla gravidanza”.

I sostenitori dell’emendamento affermano che bloccherebbe la legge sull’aborto del 1931 del Michigan, che vieta tutti gli aborti tranne che per salvare la vita della madre.

“Ora più che mai siamo entusiasti e motivati ​​a ripristinare le protezioni perse sotto Roe”, ha dichiarato Darcy McConnell, direttore delle comunicazioni per la campagna ALL, in una dichiarazione giovedì dopo la sentenza.

“Ciò conferma che più di 730.000 elettori hanno letto, firmato e compreso le petizioni”, ha aggiunto McConnell, aggiungendo che “le affermazioni dell’opposizione sono progettate per distrarre dai nostri sforzi per preservare i diritti di aborto sotto Roe per quasi 50 anni”.

Nel suo rapporto personale alla commissione, l’Ufficio elettorale ha stimato che la petizione avesse 596.379 firme valide, circa 146.000 in più rispetto al minimo richiesto per la certificazione.

Tuttavia, gli oppositori hanno contestato l’emendamento proposto in quanto non c’è spazio tra le parole nella petizione.

Nella sua ordinanza di giovedì, la Corte Suprema statale ha indicato una sentenza del 2012 secondo cui solo il dovere del consiglio per quanto riguarda le petizioni è determinare la forma e il contenuto e se ci sono firme sufficienti.

La legge del Michigan richiede che le memorie contengano il testo completo dell’emendamento dopo il riepilogo e debbano essere stampate in caratteri a 8 punti.

“Indipendentemente dalla presenza o dall’entità della spaziatura, non è in discussione che tutte le parole siano nello stesso ordine e siano stampate in caratteri a 8 punti”, ha affermato la corte.

“In questo caso, la mancanza di spazio tra le parole non ha cambiato il significato delle parole”, ha scritto la corte. “Presupponendo che l’obiezione degli sfidanti al divario sia una sfida alla ‘forma’ della petizione adeguatamente considerata dal Board, la petizione ha soddisfatto tutti i requisiti di forma legali e il Board ha un chiaro dovere legale di certificare la petizione”.

In un’opinione concordante, il giudice capo Bridget McCormack ha criticato i due membri repubblicani della giuria che hanno votato contro la certificazione, dicendo che avrebbero “privato del diritto di voto milioni di abitanti del Michigan”.

“Un triste indicatore dei tempi”, ha scritto.

Il giudice David Viviano ha dissentito, dicendo che non avrebbe ritenuto che la petizione fosse conforme alla legge del Michigan e che il consiglio aveva agito “correttamente” nel ridurre la certificazione.

“La mancata inclusione di spazi rende difficile la lettura e la comprensione della revisione. Pertanto, può contenere le parole corrette nell’ordine corretto, come sottolinea la maggioranza qui, ma l’assenza di spazi di parole critici rende il resto del testo più difficile da leggere e comprendere, e quindi meno di “testo completo”. Costituzione e leggi”, ha affermato.

Anche il giudice Brian Zahra ha dissentito, dicendo che avrebbe voluto che la corte avesse ascoltato le argomentazioni orali sulla questione. Ha chiesto al legislatore di modificare la legge elettorale del Michigan per richiedere al consiglio di certificare lo scrutinio almeno sei settimane prima che il voto sia finalizzato.

I repubblicani del Michigan hanno annullato la decisione insieme ad un’altra su un’iniziativa di referendum sui diritti di voto. “Nonostante la sentenza del tribunale, queste misure sono molto gravi per il Michigan e siamo fiduciosi che saranno sconfitte alle urne a novembre”, ha dichiarato giovedì sera Elizabeth Giannone, vicedirettrice delle comunicazioni dello stato.

Giovedì scorso, il segretario di Stato del Michigan Jocelyn Benson, un democratico, ha affermato che la sentenza “sottolinea che il ruolo del consiglio elettorale statale secondo la legge è quello di affermare la volontà degli elettori”.

“Sono grato alla corte per averlo affermato e spero che il consiglio riprenda ora la sua pratica di lunga data di lavorare all’interno della sua autorità ai sensi della legge del Michigan”, ha scritto. Twitter.

Il consiglio dovrebbe incontrarsi di persona alle 10 di venerdì, secondo un comunicato stampa dell’ufficio del Segretario di Stato del Michigan.

Questa storia è stata aggiornata con ulteriori dettagli.

READ  Il CEO di Trump Alan Weiselberg si dichiara colpevole di frode fiscale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.