La Cina impone nuovi blocchi mentre i casi locali di Covid hanno raggiunto livelli record | Cina

La Cina ha imposto una nuova serie di blocchi Covid, anche in una città in cui questa settimana i lavoratori della più grande fabbrica di iPhone del mondo si sono scontrati con la polizia, con un picco giornaliero di casi di coronavirus che mette alla prova il suo impegno a seguire il resto del mondo nell’allentamento delle restrizioni pandemiche. .

La National Health Commission ha registrato mercoledì 31.444 nuovi casi di Covid trasmessi localmente, il numero giornaliero più alto da quando è stato rilevato per la prima volta nella città cinese centrale di Wuhan alla fine del 2019.

Il governo ha risposto inasprendo le restrizioni Covid e ordinando test di massa in città tra cui Pechino, Shanghai e Guangzhou.

A Zhengzhou, nella provincia centrale dell’Henan, martedì e mercoledì sono scoppiati scontri tra polizia e lavoratori della fabbrica di iPhone di Foxconn, quando le autorità hanno annunciato un blocco di cinque giorni di circa 6 milioni di persone. Ai residenti è stato ordinato di rimanere a casa e sottoporsi quotidianamente a test PCR nella “guerra di distruzione” contro il virus.

Un lavoratore ha detto all’agenzia di stampa AFP che le proteste sono iniziate in una disputa sui bonus promessi e sulle condizioni di vita “inquietanti” nello stabilimento Foxconn.

Foxconn, che possiede una fabbrica a Zhengzhou che impiega circa 200.000 persone, desidera disperatamente riprendere le operazioni dopo che una manciata di casi di Covid l’ha costretta a chiudere la struttura e ha assunto nuovi lavoratori da tutto il paese. Pacchetti vantaggiosi per sostituire le migliaia che sono partite il mese scorso. I lavoratori hanno affermato che le proteste sono iniziate dopo che l’azienda ha cambiato le norme salariali.

READ  L'ex uragano Merbok colpisce l'Alaska occidentale con una tempesta storica, venti a 90 mph e mari di 50 piedi

I video online hanno mostrato migliaia di persone mascherate in indumenti protettivi bianchi con scudi antisommossa di plastica che affrontano le linee di polizia. La polizia ha picchiato e preso a calci un manifestante con dei bastoni dopo che questi aveva afferrato un palo di metallo usato per attaccarlo.

Molti dipendenti hanno accettato lo stipendio dall’azienda e sono tornati a casa giovedì. Alcuni hanno affermato sui social media di aver ricevuto bonus di 10.000 yuan (£ 1.150) in cambio della risoluzione dei loro contratti.

Foxconn si è scusato giovedì per quello che ha definito “un errore di input nel sistema informatico” e ha affermato che avrebbe garantito gli stessi salari promessi sui manifesti ufficiali di reclutamento. “Per quanto riguarda l’episodio di violenza, la società continuerà a comunicare con i dipendenti e il governo per prevenire il ripetersi di tali incidenti”, si legge in una dichiarazione della società.

La rigida applicazione da parte della Cina della sua politica “Dynamic Zero Covid” per quasi tre anni ha pesato sulla sua economia e alimentato la frustrazione tra la popolazione.

L’11 novembre, il governo ha annunciato un allentamento delle quarantene e di altre restrizioni, volte ad allentare le pressioni economiche e raffreddare il malcontento pubblico. Ma allo stesso tempo, gli alti funzionari hanno avvertito i dipendenti di non abbassare la guardia.

Nelle nuove misure, Guangzhou ha imposto un blocco di cinque giorni nel distretto di Baiyun a partire da lunedì per cercare di controllare l’ondata di casi. I residenti sono tenuti a rimanere a casa e il trasporto pubblico è sospeso, sebbene le aree che non segnalano infezioni per tre giorni consecutivi possano revocare le restrizioni.

Il governo di Changchun, una città nord-orientale nella provincia di Jilin, ha esortato i suoi residenti a fermare i movimenti non essenziali ed evitare di recarsi in luoghi pubblici, ristoranti e raduni pubblici.

Shanghai ha inasprito le restrizioni all’ingresso in città. Un annuncio sull’account WeChat ufficiale della città ha affermato che le persone che si recheranno in città da giovedì saranno testate per il Covid e bandite da ristoranti e centri commerciali, tra gli altri luoghi pubblici, per cinque giorni dopo il loro arrivo.

Pechino ha imposto nuovi requisiti di screening per i viaggiatori e i residenti in arrivo. I risultati del test PCR dovrebbero essere negativi entro 48 ore per coloro che intendono entrare in luoghi pubblici come centri commerciali, hotel ed edifici governativi. Le scuole di tutta la città sono passate alle lezioni online.

Sebbene i numeri dei casi siano relativamente bassi rispetto alle cifre globali, anche piccoli focolai in Cina spesso portano al blocco di contee e città. Le autorità hanno riportato i primi decessi di Covid in Cina in sei mesi questa settimana, portando il totale a 5.232.

Sina, residente a Zhengzhou, una di quelle che si sono precipitate a comprare cibo al mercato prima del blocco, ha dichiarato sul sito di social media Sina Weibo: “Tutti i negozi erano pieni di gente, i prezzi sono aumentati… nessuno ha riso”.

Mentre i confini della Cina rimangono in gran parte chiusi, il governo ha adottato misure per facilitare l’uscita e l’ingresso di dirigenti d’azienda stranieri, ha detto un portavoce del ministero degli Esteri.

Segnalazioni aggiuntive di Associated Press, Agence France-Presse e Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.