La calotta glaciale della Groenlandia può causare quasi un piede di innalzamento del livello del mare

Commento

Il cambiamento climatico causato dall’uomo ha creato enormi perdite di ghiaccio in Groenlandia che non possono essere fermate anche se il mondo smettesse di emettere gas serra oggi, un passo alla volta. Un nuovo studio Pubblicato lunedì.

3,3 per cento dei risultati del programma sul cambiamento climatico naturale che ora sono inevitabili La calotta glaciale della Groenlandia Fusione – pari a 110 trilioni tonnellate di neve, I ricercatori hanno detto. Ciò innescherà un innalzamento del livello del mare globale di circa un piede.

Le previsioni sono più terribili di altre previsioni, sebbene utilizzino ipotesi diverse. Sebbene lo studio non abbia specificato un lasso di tempo per lo scioglimento e l’innalzamento del livello del mare, gli autori hanno suggerito La maggior parte potrebbe essere giocata da qui all’anno 2100.

“Il punto è proiettare quella calotta glaciale nel futuro, un secolo o giù di lì nel futuro come se la calotta glaciale non fosse esistita”, ha detto il coautore dello studio William Colgan. ghiaccio dalla sua superficie con i suoi coetanei Geological Survey of Denmark e Groenlandia, ha detto in una video intervista.

“Ogni studio ha numeri più grandi dell’ultimo. “È sempre più veloce del previsto”, ha detto Colgan.

Una delle ragioni per cui la nuova ricerca sembra peggiore di altre scoperte potrebbe essere così semplice. Sto cercando di calcolare quanto ghiaccio ha da perdere la Groenlandia Poiché si adatta a un clima più caldo. Al contrario, sofisticate simulazioni al computer di come si comporterebbe la calotta glaciale in scenari futuri per le emissioni globali. hanno fatto previsioni meno allarmanti.

Un passo avanti Il livello globale del mare avrà conseguenze disastrose. Se l’innalzamento del livello del mare lungo la costa degli Stati Uniti è in media da 10 a 12 pollici entro il 2050, un Ultimo rapporto Inventato dalla National Oceanic and Atmospheric Administration, Molto distruttivo alluvione Cinque inondazioni frequenti e moderate Spesso 10 volte.

‘Non sono lenti’: l’aumento di disastri da miliardi di dollari

In altri paesi Nazioni insulari basse e paesi in via di sviluppo come il Bangladesh – sono ancora vulnerabili. Questi paesi, che non hanno fatto nulla per alimentare le alte temperature che ora stanno sciogliendo la calotta glaciale della Groenlandia, Non miliardi di dollari Adattarsi al mare in aumento.

L’autore principale del documento, Jason Box, uno scienziato del Geological Survey of Denmark and Groenlandia, ha collaborato con scienziati di istituzioni in Belgio, Danimarca, Finlandia, Norvegia, Paesi Bassi, Svizzera e Stati Uniti. Per stimare la quantità di perdita di neve già bloccata dalle attività umane.

L’anno scorso, l’ONU sul cambiamento climatico Il panel intergovernativo — che generalmente prevede cifre più basse per la perdita totale di ghiaccio dalla Groenlandia entro la fine del secolo — pianificato Entro il 2100, il livello del mare è aumentato di quasi mezzo piede al largo della Groenlandia. Si presumeva che gli esseri umani avrebbero rilasciato grandi quantità in quelle condizioni Gas serra per altri 80 anni.

READ  Classifica del Tour Championship 2022: aggiornamenti in tempo reale, copertura del golf, risultati dei playoff della FedEx Cup di domenica

L’attuale studio, al contrario, non tiene conto di ulteriori emissioni di gas serra né specifica quando avverrà lo scioglimento. Il confronto con il rapporto delle Nazioni Unite è imperfetto.

Trovare che il 3,3 per cento della Groenlandia è già stato perso “rappresenta, come minimo, un limite inferiore”, ha affermato Box. Potrebbe essere peggio di così, soprattutto se il mondo continua a bruciare combustibili fossili e se la norma record di perdita di ghiaccio della Groenlandia nel 2012 diventa la norma, suggerisce lo studio.

Ma questo aspetto dello studio offre speranza: anche se l’innalzamento del livello del mare è bloccato più di quanto si credesse in precedenza, la riduzione delle emissioni abbastanza velocemente da limitare il riscaldamento a 1,5 gradi Celsius (2,7 gradi Fahrenheit) potrebbe impedire che le cose peggiorino.

Nel luglio 2018, gli scienziati hanno osservato un lago di acqua di disgelo glaciale che drenava sotto la calotta glaciale della Groenlandia. Questa ricerca ci aiuterà a comprendere meglio l’innalzamento del livello del mare globale. (Video: Sam Doyle e Tom Sudley)

La Groenlandia è l’isola più grande del mondo ed è coperta da una calotta glaciale che, se completamente sciolta, potrebbe innalzare il livello del mare di oltre 20 piedi. Non ci sono dubbi: durante i periodi più caldi della storia della Terra, la calotta glaciale era molto più piccola di quanto non lo sia oggi. La domanda è sempre quanta neve si scioglierà, e quanto velocemente, con l’aumento delle temperature.

I tassi di fusione sono aumentati negli ultimi due decenni, così come la Groenlandia Il più grande contributore a base di ghiaccio Per il tasso di innalzamento globale del livello del mare, supera i contributi sia della grande calotta glaciale antartica che dei ghiacciai di montagna in tutto il mondo. La Groenlandia è nell’Artico, cioè Fa molto caldo Più veloce del resto del mondo.

Le alte temperature artiche scioglieranno grandi quantità di ghiaccio sulla superficie della Groenlandia. Questo scioglimento superficiale – che crea fiumi di ghiaccio, laghi che scompaiono e cascate giganti che scompaiono nei crepacci – si verifica quando i ghiacciai costieri dell’isola liberano enormi ghiacciai a velocità vertiginosa. Enormi perdite di neve.

In passato, gli scienziati hanno cercato di determinare il contributo dell’attuale scioglimento della Groenlandia al livello del mare globale attraverso complesse simulazioni al computer. Modellano la calotta glaciale, l’oceano circostante e il clima futuro in base a diverse traiettorie di emissione.

In generale, i modelli hanno prodotto statistiche modeste. Per esempio, Secondo Secondo una recente stima dell’IPCC, la “potenziale” perdita dalla Groenlandia entro il 2100 in uno scenario di emissioni molto elevate equivale a circa 5 pollici di innalzamento del livello del mare. Ciò rappresenta la scomparsa di circa l’1,8 per cento della massa totale della Groenlandia.

READ  Il rapporto sui lavori di giugno mostra una forte crescita: ultime notizie

La maggior parte dei modelli e degli scenari crea qualcosa di molto meno. Nello scenario a basse emissioni che il mondo sta cercando di raggiungere, il rapporto dell’IPCC afferma che la Groenlandia contribuirebbe solo di pochi centimetri all’innalzamento del livello del mare. Fine secolo.

La nuova ricerca “ottiene un numero più alto rispetto ad altri studi”, ha affermato Sophie Nowicki, esperta di Groenlandia presso l’Università di Buffalo che ha contribuito al rapporto dell’IPCC. Tuttavia, uno dei motivi per cui il numero è così alto è che lo studio ha esaminato solo gli ultimi 20 anni, che hanno visto un forte riscaldamento, e Nowicki ha osservato che la calotta glaciale si sta ora adattando al clima attuale. Nowicki ha detto che prendere un arco di tempo di 40 anni produrrebbe meno benefici.

“Questo numero definitivo non è ben noto ed è in realtà molto difficile da stimare a causa della lunga scala dei tempi di risposta del ghiaccio”, ha detto Nowicki.

Box, da parte sua, sostiene che i modelli basati sul rapporto IPCC sono “come un facsimile della realtà” senza dettagli sufficienti per riflettere come la Groenlandia stia effettivamente cambiando. Quei modelli di computer sono pazzi Notevole polemica Di recente, un team di ricerca ha accusato di non monitorare a sufficienza l’attuale, ad alto volume di perdita di ghiaccio della Groenlandia.

Notizie preoccupanti che gli scienziati hanno riportato dalle grotte di ghiaccio della Groenlandia

In Groenlandia, i processi che provocano la perdita di ghiaccio dai grandi ghiacciai si verificano spesso a centinaia di metri sotto la superficie del mare in fiordi stretti, dove l’acqua calda può fluire sul ghiaccio sommerso con movimenti complessi. In alcuni casi, questi processi possono essere eseguiti su una scala troppo piccola per essere catturati dai modelli.

Nel frattempo, mentre è chiaro che l’aria più calda sta sciogliendo il ghiaccio dalla superficie, gli effetti di tutta quell’acqua che fuoriesce dal ghiaccio – e talvolta, attraverso e sotto di esso – solleva ulteriori domande. Gran parte dell’acqua scompare in fessure chiamate moulins e viaggia attraverso il ghiaccio attraverso canali invisibili fino al mare. La quantità di ghiaccio che questa slick avanza è dibattuta e potrebbe verificarsi su una scala molto più fine di quella catturata dai modelli.

“Moulin individuali, non sono nei campioni”, ha detto Colgan.

Una nuova ricerca valuta il futuro della Groenlandia con un metodo semplice. Dato l’attuale clima artico, cerca di calcolare quanta perdita di ghiaccio dalla Groenlandia sia già stata dettata dalla fisica.

READ  La Corea del Sud ha lanciato la sua prima missione lunare su un razzo SpaceX

Un cubetto di ghiaccio, come un cubetto di ghiaccio, ma su scala molto più ampia, è sempre in procinto di sciogliersi o crescere in risposta alla temperatura che lo circonda. Ma con una calotta glaciale grande come la Groenlandia – l’intero stato dell’Alaska è raffigurato coperto di ghiaccio spesso da una a due miglia – la regolazione è un a lungo. Questo può significare una perdita Anche se in realtà non è ancora successo, è quasi inevitabile.

Tuttavia, il ghiaccio può lasciare impronte mentre si restringe. Quando si scioglie, gli scienziati pensano che si manifesti in quella che viene chiamata una transizione Tassa sulla neve. È la linea di demarcazione tra le aree bianche alte e luminose della calotta glaciale che accumulano neve e massa anche in estate e le aree scure e basse che contribuiscono all’acqua di disgelo dell’oceano. Questa linea si sposta ogni anno, a seconda di quanto è calda o fredda l’estate, monitorando quanto la Groenlandia si scioglie in un determinato periodo.

Una nuova ricerca sostiene che nel clima attuale, la posizione media della linea di ghiaccio dovrebbe spostarsi verso l’interno e verso l’alto, lasciando una piccola area dove il ghiaccio può accumularsi. Formerà un piccolo cubetto di ghiaccio.

“Quello che stanno dicendo è che il clima che abbiamo già è in procinto di bruciare i bordi del ghiaccio”, ha detto Ted Scambos, un glaciologo dell’Università del Colorado a Boulder. Non funziona su carta.

Tuttavia, ha detto Scambos Potrebbero volerci più di 80 anni prima che il 3,3% della calotta glaciale si sciolga: “La maggior parte dei cambiamenti” potrebbe verificarsi entro il 2100, afferma lo studio.

“Molti dei cambiamenti che avevano previsto accadranno in questo secolo, ma devono arrivare [that level of retreat] Ci vorranno secoli”, ha detto.

Le future perdite di ghiaccio supereranno quel livello se il riscaldamento globale continuerà a progredire, e lo farà. Ad esempio, se il grande scioglimento del 2012 è tipico, potrebbe portare a circa due piedi e mezzo di innalzamento del livello del mare, afferma lo studio.

Il professore della Pennsylvania State University Richard Alley, un esperto di calotte glaciali, ha affermato che l’incertezza dei ricercatori su come cambieranno le calotte glaciali del pianeta e l’innalzamento del livello del mare globale mostra la necessità di ulteriori ricerche.

“I problemi sono profondamente impegnativi, non saranno risolti da un pio desiderio e devono ancora essere risolti dagli affari”, ha affermato.

Ma Ali ha aggiunto che è chiaro che più riscaldiamo il pianeta, più mari si alzeranno.

“[The] L’impennata potrebbe essere leggermente inferiore alle proiezioni convenzionali, o leggermente superiore o superiore, ma non troppo bassa”, ha affermato Ali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.