Il rally post-Fed chiude a testa in giù il Dow sotto 30000

Le azioni statunitensi sono scese giovedì, con il Dow Jones Industrial Average al di sotto di 30.000 per la prima volta da gennaio 2021. Ha continuato a scuotere il mercato.

Gli indici chiave hanno registrato un forte calo nel 2022 a causa dell’elevata inflazione. Tassi di interesse in aumento E le crescenti preoccupazioni sui profitti aziendali e sulla crescita economica stanno alimentando l’appetito degli investitori per l’avversione al rischio. Le blue-chip sono scese del 18% quest’anno, mentre l’S&P 500 è sceso del 23% e il Nasdaq Composite, ad alto contenuto tecnologico, è sceso del 32%.

Azioni Ha tenuto una manifestazione mercoledì Dopo che il presidente della Federal Reserve Jerome Powell ha suggerito che un aumento del tasso di interesse di 0,75 punti percentuali da parte della banca centrale questa settimana non sarebbe stato comune. Giovedì Quella speranza è sbocciataE le azioni sono scese in tutto il mercato.

L’S&P 500 è sceso del 3,2%, mentre il Dow Industries è sceso del 2,4% o 741 punti a 29.927. Il 29 gennaio 2021 il Dow ha finalmente chiuso al di sotto di tale traguardo. Il Nasdaq Composite è sceso del 4,1% come azioni delle principali società tecnologiche. Ritirato.

“Penso che i mercati stiano rivalutando l’ambiente di mercato”, ha affermato Michael Sheldon, chief investment officer di RDM Financial Group, una società di consulenza per gli investimenti. “Le prospettive di crescita, profitti e inflazione, almeno per i prossimi mesi, purtroppo non sono favorevoli”.

L’aumento del tasso di 0,75 punti percentuali della banca centrale è il suo Il più grande dal 1994 Ma la corsa della banca centrale per controllare l’inflazione elevata è in linea con le aspettative degli investitori. Gli ultimi dati mostrano l’inflazione al consumo a maggio Raggiunto il livello più alto Da più di quattro decenni.

READ  Gli Utah Jazz scambiano Rudy Gobert con i Timberwolves

Sig. ha detto Powell Sebbene la banca centrale non stia cercando di provocare una recessione, sta diventando sempre più difficile da realizzare Chiamato atterraggio regolare, In cui l’economia rallenta abbastanza da ridurre l’inflazione senza entrare in recessione. Alcuni analisti hanno affermato che gli investitori sono d’accordo Crescenti rischi per la crescita economica.

“Penso che questa sia la consapevolezza che ci stiamo davvero dirigendo verso una recessione. Finora non mi sembra di aver davvero filtrato la mente del mercato”, ha affermato Altaf Qassam, responsabile della strategia di investimento per l’Europa, il Medio Oriente e l’Africa a State Street Consulenti globali.

Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell ha affermato che l’obiettivo della banca centrale era ridurre l’inflazione al 2%. Mercoledì la banca centrale ha approvato un aumento del tasso dello 0,75%, il più grande aumento dei tassi di interesse dal 1994. Foto: Elizabeth Friends / Reuters

Se il Dow Industries chiudesse sotto quota 30.000, potrebbe pesare sull’umore degli investitori abituati a un titolo sempre alto.

“Chiunque stia pensando di acquistare mance, in particolare quelli al di sotto di 30.000, sembra essere in grado di dire facilmente: ‘Sai, aspetterò questo'”, ha affermato Carol Schlieff, vice chief investment officer di BMO. Family Office.

Ciascuno degli 11 settori dell’S&P 500 è crollato su tutta la linea giovedì. Energy Group, unico settore nella regione positivo per il 2022, è in ritardo rispetto al mercato con un calo del 6,1%.

Anche i grandi titoli tecnologici si sono ritirati Microsoft Le azioni scendono del 2,7% Amazon Le azioni sono scese del 3,7% e Nvidia Il titolo è sceso del 5,6%.

Twitter Il titolo ha poi perso l’1,7% Tesla Amministratore delegato Elon Musk Ho parlato con lo staff di Twitter Su argomenti tra cui se verrà licenziato se effettuerà l’acquisizione come previsto in una riunione dell’azienda giovedì.

Tesla,

Quale Aumenta il prezzo di alcune delle sue auto Tra i costi in aumento, il calo è stato dell’8,5%.

Gli aumenti dei tassi “insolitamente grandi” non saranno comuni, ha affermato. Sebbene Powell abbia raccomandato mercoledì, apre le porte a un altro aumento dello 0,75% presto il mese prossimo.

Iofin David, chief investment officer di Monetta, ha affermato che se ritenessero che la corsa federale stesse scommettendo molto più velocemente dell’inflazione, quell’importo di aumento dei tassi di interesse calmerebbe gli investitori. “Ciò porterà a una tensione ancora maggiore nel mercato”, ha affermato.

La banca centrale svizzera ha sorpreso gli investitori alzando i tassi di interesse per la prima volta in 15 anni. La Banca nazionale svizzera ha alzato il tasso ufficiale di 0,5 punti percentuali portandolo a uno 0,25% negativo.

Banca del Giappone

In una grande economia sviluppata le banche centrali non hanno aumentato i tassi per controllare l’inflazione. Gli economisti si aspettavano che i tassi della BNS rimarrebbero invariati.

Seema Shah, chief strategist per i principali investitori globali, ha dichiarato: “Questo è l’ultimo ostacolo alla recessione”.

Giovedì la Banca d’Inghilterra Alzato il suo tasso di interesse di base È previsto un 1% all’1,25%, indicando la sua quinta mossa in diversi incontri, e ha affermato che potrebbero essere necessarie mosse più grandi per controllare l’inflazione.

settimanalmente Dati sulla domanda di disoccupazione Nella settimana terminata l’11 giugno, 229.000 americani hanno presentato domanda di sussidio di disoccupazione. Il mercato del lavoro fa parte della forza dell’economia, ma i funzionari della banca centrale hanno segnalato dati sull’occupazione più deboli. Potrebbe essere il risultato necessario Il tentativo della banca centrale di controllare l’inflazione.

Rendimento di riferimento in 10 anni Tesoro degli Stati Uniti Il riferimento è sceso al 3,303% dal 3,389% di mercoledì. I rendimenti del Tesoro, muovendosi nella direzione opposta rispetto al prezzo, aiutano a fissare i tassi su una varietà di beni di consumo, inclusi mutui e prestiti automobilistici.

Bitcoin Secondo CoinDesk, il livello ET è sceso del 3% a $ 21.041 dalle 17:00 di mercoledì. 10° giorno successivo. Le criptovalute sono afflitte da preoccupazioni economiche più ampie, che influiscono su scambi rischiosi e preoccupazioni su schemi selezionati e Aziende nell’ecosistema crittografico. È improbabile che gli investitori nella rete Celsius di prestatori di criptovalute forniscano ulteriori finanziamenti alla società. Il Wall Street Journal ha riportato la notizia giovedì.

Nei mercati delle materie prime, il greggio Brent è salito dell’1,1% a 119,81 dollari al barile, il benchmark internazionale. I prezzi dell’oro sono aumentati dell’1,7%.

Le scorte d’oltremare sono diminuite. L’indice Pan-Continental Stoxx Europe 600 è sceso del 2,5%. In Asia, il Hong Cheng Hong Kong è scesa del 2,2%, mentre il giapponese Nikkei 225 ha guadagnato lo 0,4%.

Le azioni di Wall Street sono state scambiate al ribasso dopo il rally di mercoledì a seguito della decisione sui tassi di interesse della Federal Reserve.


Foto:

Justin Lane/Shutterstock

Scrivi a Karen Langley a [email protected] e [email protected] a Will Horner

Copyright © 2022 Dow Jones & Company, Inc. Tutti i diritti riservati. 87990cbe856818d5eddac44c7b1cdeb8

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.