Il procuratore generale di New York ha intentato una causa per frode civile contro Trump, alcuni dei suoi figli e la sua attività

In una causa di oltre 200 pagine, il procuratore generale Letitia James, un democratico, ha affermato che la frode ha toccato tutti gli aspetti degli affari di Trump, comprese le proprietà e i campi da golf. Secondo la causa, la Trump Organization ha frodato prestatori, assicuratori e autorità fiscali e ha utilizzato false valutazioni per gonfiare il valore delle sue proprietà.

“Questo comportamento non può essere ignorato e liquidato come una sorta di errore in buona fede”, ha detto James in una conferenza stampa a New York.

“I rendiconti finanziari sono esagerati, grossolanamente gonfiati, oggettivamente falsi e quindi fraudolenti e illegali”, ha aggiunto. “Di conseguenza, stiamo cercando sollievo e ritenendo il signor Trump, la Trump Organization, la sua famiglia, tutti responsabili”.

James ha affermato di ritenere che le leggi statali e penali possano essere state violate e ha deferito la questione all’ufficio del procuratore degli Stati Uniti per il distretto meridionale di New York e all’Internal Revenue Service.

L’ufficio del procuratore degli Stati Uniti ha rifiutato di commentare.

“Questi atti di frode e falsa dichiarazione erano di natura simile, commessi dall’alta dirigenza dell’Organizzazione Trump come parte di uno sforzo comune per coprire ogni rapporto annuale e approvati ai più alti livelli dell’Organizzazione Trump, incluso lo stesso signor Trump, ” afferma la causa.

Come parte della causa, James chiede 250 milioni di dollari in presunti guadagni illeciti e impedisce permanentemente a Trump e ai bambini citati nella causa di servire come direttori di un’azienda registrata nello Stato di New York. Sta cercando di revocare il certificato aziendale della Trump Organization, che, se concesso da un giudice, potrebbe effettivamente costringere la società a cessare di operare nello stato di New York.

Trump in precedenza aveva definito James un “procuratore traditore” che è impegnato in una “corsa alla pesca vendicativa ed egoista”. La Trump Organization ha definito “infondate” le sue precedenti accuse e ha negato qualsiasi illecito.

In risposta all’annuncio di mercoledì, l’avvocato di Trump Alina Huba ha dichiarato in una dichiarazione alla CNN: “Il deposito di oggi non si concentra sui fatti o sulla legge, ma si concentra esclusivamente sull’avanzamento dell’agenda politica del procuratore generale. L’ufficio del procuratore generale sta superando il suo autorità statutaria e impegnarsi in operazioni in cui non si è verificato alcun illecito”.

L’avvocato di Weiselberg, Nicholas Gravante, ha rifiutato di commentare.

La causa civile arriva quando Trump aumenta la pressione legale mentre i pubblici ministeri intraprendono iniziative investigative e si avvicinano alla sua cerchia ristretta.

Trump deve affrontare numerose indagini penali da parte di pubblici ministeri federali e statali, tra cui l’accuratezza dei rendiconti finanziari della sua azienda, l’interferenza nelle elezioni presidenziali del 2020 e la gestione di documenti riservati dopo aver lasciato l’incarico. Trump ha negato qualsiasi illecito.

READ  Classifica del British Open 2022: copertura in diretta, punteggio Tiger Woods, punteggi del golf del Round 1 di oggi a St Andrews

L’AG ha affermato che Trump ha mentito oltre 200 volte sul valore dei suoi beni

James sostiene che l’ex presidente e la sua azienda hanno commesso “numerose frodi, false dichiarazioni e false dichiarazioni” in un periodo di 10 anni, secondo la causa, che si riferiva specificamente a “200 valutazioni false e fuorvianti” dei beni di Trump.

“I bilanci discutibili venivano emessi ogni anno; ognuno conteneva un numero considerevole di dichiarazioni fraudolente, false e fuorvianti sui beni della Trump Organization; e la maggior parte riguardava un ruolo in transazioni specifiche con istituzioni finanziarie”, afferma la causa.

“Il numero di valori immobiliari grossolanamente gonfiati è sbalorditivo”, aggiunge la causa.

Secondo James, le aziende di Trump preparavano bilanci da presentare alle banche e ad altre istituzioni finanziarie ogni anno. I rapporti mostrano la salute finanziaria delle imprese Trump, ha detto James, e la Trump Organization fa affidamento se vuole richiedere prestiti.

James ha detto ai giornalisti mercoledì che ogni affermazione è stata personalmente certificata come accurata da Donald Trump, Donald Trump Jr. o Weiselberg.

Trump “voleva che il suo patrimonio netto si riflettesse in quelle dichiarazioni”, ha detto James, aggiungendo che “il signor Weiselberg e altri hanno avuto il desiderio anno dopo anno di preparare in modo fraudolento quelle dichiarazioni”.

Come esempio delle accuse, Trump ha gonfiato le valutazioni per aumentare i propri profitti. James ha citato quello che è successo al 40 di Wall Street, una proprietà nel distretto finanziario di New York City noto come Trump Building, menzionato dozzine di volte nella causa.

La società di Trump ha ricevuto valutazioni per la proprietà nel 2010 e nel 2012, che secondo la causa valevano rispettivamente $ 200 milioni e $ 220 milioni. Ma la compagnia di Trump ha più volte affermato nei suoi bilanci ufficiali che la proprietà vale di più.

Nel 2011, la società di Trump ha riportato beni per un valore di 524 milioni di dollari. Ha detto che valeva $ 527 milioni nel 2012 e $ 530 milioni nel 2013, secondo la causa, che sosteneva che queste stime gonfiate non avevano basi valide e che Trump affermava falsamente che i numeri provenivano da “professionisti”.

James ha anche detto durante la conferenza stampa di mercoledì che Trump ha gonfiato la metratura del suo appartamento triplex Trump Tower e ha travisato il valore di oltre $ 300 milioni.

“Il signor Trump ha affermato che i suoi appartamenti erano di oltre 30.000 piedi quadrati, che era la base per la valutazione dell’appartamento. In effetti, l’appartamento era inferiore a 11.000 piedi quadrati, qualcosa di cui il signor Trump era ben consapevole”. ha detto Giacomo.

READ  Annie H è in coma e non ha ripreso conoscenza dall'incidente d'auto Anne H

Ha aggiunto: “In termini di metratura gonfiata, nel 2015, 2016, l’appartamento valeva 327 milioni di dollari. Ad oggi, nessun appartamento a New York City è stato venduto per quell’importo”.

Un triennio di prova

L’annuncio è l’ultimo sviluppo di un’indagine triennale condotta da James sulle finanze della Trump Organization.

A gennaio, l’ufficio di James ha affermato che la Trump Organization ha trovato prove “sostanziali” che James ha utilizzato valutazioni di proprietà false o fuorvianti nei suoi rendiconti finanziari per ottenere prestiti, assicurazioni e benefici fiscali. Il mese successivo, la società di contabilità di lunga data di Trump si è dimessa.

L’ex riparatore e avvocato personale di Trump, Michael Cohen, ha iniziato la sua indagine nel 2019 testimoniando davanti al Congresso che Trump ha gonfiato il valore di alcune proprietà per ottenere prestiti e assicurazioni e ha sottovalutato altre per ottenere agevolazioni fiscali.

Oltre al nuovo caso di frode, il mese prossimo la Trump Organization andrà sotto processo per presunto coinvolgimento in un programma di frode fiscale durato 15 anni e il suo chief financial officer di lunga data ha accettato di testimoniare contro la società.

Weiselberg è stato per decenni chief financial officer della Trump Organization. Ha confessato il delitto Ad agosto, ha accettato di testimoniare contro la società immobiliare di Trump come parte di un patteggiamento per il suo ruolo in un programma di frode fiscale di 15 anni.

Nelle ultime settimane, la Trump Organization ha negato qualsiasi illecito e si è offerta di bloccare la causa, ma l’ufficio di James ha chiarito che non è interessato a un accordo, hanno detto persone che hanno familiarità con la questione.

AG: I figli maggiori di Trump “hanno partecipato consapevolmente”

La causa sostiene che Eric Trump, Ivanka Trump e Donald Trump Jr. “hanno partecipato consapevolmente” agli schemi fraudolenti.

Il presunto schema “richiedeva la partecipazione del signor Trump e dei suoi figli”, ha affermato la causa, aggiungendo che “i bambini erano a conoscenza dell’effettiva performance finanziaria dell’azienda”.

Ad esempio, la causa sostiene che Eric Trump si è impegnato in un approccio alla valutazione delle proprietà a Las Vegas che ne sottovalutava il valore ai fini fiscali mentre Trump ne gonfiava il valore sui rendiconti finanziari.

Cita anche la testimonianza di Trump Jr. che descrive in dettaglio come il valore di Trump Park Avenue sia stato gonfiato nei rendiconti finanziari di Trump. Secondo la denuncia di James, una valutazione della proprietà del 2010 per il prestito da parte di un’agenzia esterna ha tenuto conto del modo in cui alcune delle unità erano state stabilizzate dall’affitto. Tuttavia, il bilancio di Trump ha collocato il valore delle unità a circa sei volte quello che aveva deciso il perito, ha affermato la causa.

READ  Ultima guerra Russia-Ucraina: cosa sappiamo il giorno 207 dell'invasione | Notizie dal mondo

La causa ha indicato il coinvolgimento di Ivanka Trump nell’ottenere prestiti per acquistare il Doral Golf Course in Florida e proprietà di Chicago nel 2012, che secondo James è stato esteso in parte a causa di presunti rendiconti finanziari errati.

“In ciascuna di quelle transazioni con Deutsche Bank, la signora Trump sapeva che quelle transazioni includevano la garanzia personale del signor Trump che gli sarebbe stato richiesto di fornirle bilanci e certificazioni annuali”, afferma la causa.

La famiglia è stata deposta dall’ufficio dell’AG

Ad aprile, dopo una lunga battaglia legale per citare in giudizio le dichiarazioni di Trump e dei suoi figli adulti, gli avvocati dell’ufficio di James hanno affermato che l’indagine era in via di completamento e necessitava della testimonianza di Trump prima di prendere una decisione.

Il mese scorso, Trump non ha risposto alle domande e ha affermato il suo diritto al quinto emendamento contro l’autoincriminazione quando è stato messo sotto accusa dall’ufficio del procuratore generale. Eric Trump, che gestisce l’attività quotidianamente, ha risposto a più di 500 domande nel 2020 sul suo quinto atto di emendamento.

Poiché Trump ed Eric Trump si sono rifiutati di rispondere alle domande, se il caso dovesse andare in giudizio, una giuria potrebbe trarre una “deduzione avversa” contro di loro per non aver risposto alle domande. Se vengono ritenuti responsabili, ciò può comportare un giudizio più elevato nei confronti di loro o della società.

Sia Ivanka Trump che Trump Jr. hanno risposto alle domande durante l’intervista di oltre sette ore, hanno detto le fonti alla CNN.

James ha osservato che Trump e Weiselberg hanno invocato il loro privilegio del Quinto Emendamento durante la sua conferenza stampa.

“Dopo essere diventato presidente degli Stati Uniti nel 2017, Trump ha ripetutamente invocato il suo privilegio del quinto emendamento e si è rifiutato di rispondere quando gli è stato chiesto sotto giuramento se avesse esaminato e approvato le dichiarazioni”, ha detto mercoledì James.

Questa storia è stata aggiornata con ulteriori dettagli.

Shawna Mizell della CNN ha contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.