ESCLUSIVO: i pubblici ministeri si preparano alla battaglia giudiziaria per costringere gli ex funzionari della Casa Bianca a testimoniare sulle conversazioni di Trump del 6 gennaio

Mentre l’indagine penale si sposta più in profondità nei ranghi dei funzionari della Casa Bianca che hanno avuto contatti diretti con Trump, il privilegio esecutivo è in discussione, poiché i pubblici ministeri si aspettano che l’ex presidente protegga determinate informazioni da un gran giurì federale.

L’azione preventiva del Dipartimento di Giustizia è un chiaro segno che gli investigatori federali stanno riprendendo il comportamento di Trump nel tentativo di bloccare il passaggio del potere a Joe Biden.

Una rissa in tribunale per i privilegi dell’esecutivo porrebbe immediatamente l’indagine del Dipartimento di Giustizia in una posizione più aggressiva rispetto all’indagine Mueller – un’indagine penale chiave di anni su Trump come presidente. Alla fine non è stato accusato.

Di fronte alla situazione insolita di perseguire un ex presidente per le azioni intraprese mentre era in carica, affrontare la questione del privilegio riflette la preoccupazione che sta assumendo la magistratura. Ciò potrebbe portare a una delle prime grandi battaglie giudiziarie sulla separazione dei poteri nel processo penale del 6 gennaio.

Testimoniano gli ex aiutanti di Pence

Il tentativo di Trump di mantenere la segretezza è arrivato di recente in una testimonianza del gran giurì federale Marco Corto e Greg Jacobs, uno stretto collaboratore dell’ex vicepresidente Mike Pence.

Prima della loro recente testimonianza del gran giurì, i pubblici ministeri, insieme agli avvocati di Short e Jacobs, hanno delineato alcune domande che avrebbero evitato per evitare potenziali problemi di privilegi, e il popolo ha affermato di essere stato informato sulla questione, con l’aspettativa che sarebbero tornati su quelle domande dopo.

Merrick Garland non ha escluso di incriminare Trump e altri nell'udienza del 6 gennaio

Nessuno dei due risponderebbe alle domande sul loro contatto diretto con Trump quando hanno testimoniato al processo penale nelle ultime settimane, secondo due persone che hanno familiarità con la questione.

READ  Aggiornamenti live: almeno 151 uccisi nello scontro di Halloween di Itaewon

Sia Short, l’ex consigliere capo di Pence, sia Jacobs, il suo ex capo consigliere, hanno partecipato a una riunione dello Studio Ovale del 4 gennaio 2021 in cui Trump ha spinto Pence a seguire un piano presentato dall’avvocato John Eastman per bloccare la certificazione. Risultati delle elezioni.

Nonostante i problemi di privilegio, i testimoni hanno passato ore a rispondere alle domande del gran giurì sulla campagna di pressione contro Pence di cui Trump faceva parte, evitando domande dirette sull’ex presidente, secondo le persone informate sulla questione.

Le domande dei pubblici ministeri hanno indicato che gli investigatori si stavano concentrando sul ruolo di Trump ed Eastman, dell’avvocato di Trump Rudy Giuliani e altri in uno schema più ampio per bloccare la certificazione dei risultati elettorali e organizzare falsi elettori per mantenere Trump. È rimasto in carica nonostante abbia perso le elezioni, secondo People’s Interpretation.

L’approccio di Jacob e Short è stato finora con la magistratura Secondo quello che hanno fatto Ha evitato di rispondere ad alcune domande su ciò che Trump ha detto il 6 gennaio, secondo una fonte del comitato ristretto della Camera.
Il panel del 6 gennaio espande il suo interesse nell'uso del 25° emendamento contro Trump con Mnuchin e altre interviste al gabinetto

L’entità del privilegio esecutivo dell’ex presidente di proteggere la testimonianza in un’indagine penale rimane una legge irrisolta e i funzionari del Dipartimento di giustizia sperano che Trump cercherà di motivare le sue affermazioni in un’audizione del comitato ristretto della Camera del 6 gennaio.

E chiaramente, dati il ​​privilegio e le barriere all’accesso ad altri testimoni, i pubblici ministeri sono ancora nelle prime fasi di indagine su qualsiasi ruolo diretto di Trump. I pubblici ministeri sembrano essere più coinvolti nelle loro indagini sui soci di Trump che hanno ideato il piano per mantenerlo in carica, ha detto la gente.

READ  L'estrazione della lotteria Powerball di lunedì è stata ritardata a causa dei protocolli di sicurezza: NPR

Short è rappresentato da Emmett Flood, un importante avvocato di Washington noto come strenuo difensore del privilegio presidenziale.

Un avvocato di Flood e Jacobs ha rifiutato di commentare questa storia. Giovedì, un avvocato che si occupava di problemi di privilegio per Trump non ha risposto alle richieste della CNN.

In precedenza, i tribunali si sono pronunciati contro gli sforzi di Trump per proteggere i suoi documenti della Casa Bianca dalla consegna al comitato ristretto della Camera.

L’amministrazione Biden ha in gran parte scelto di non presentare dichiarazioni di privilegio il 6 gennaio, rendendo le affermazioni di Trump come ex presidente più deboli di quanto sarebbero state se fosse ancora in carica.

Se un’altra battaglia giudiziaria sul procedimento del gran giurì del 6 gennaio per indagare su Trump va avanti, i funzionari che sovrintendono alle indagini ritengono che il Dipartimento di Giustizia abbia buone possibilità di vincere una simile battaglia.

I tribunali generalmente ritengono che le richieste di privilegio esecutivo siano più facilmente smaltite nelle indagini penali che nelle indagini del Congresso.

Tentativi passati di perforare il privilegio esecutivo

Nel 1974, la Corte Suprema stabilì di rilasciare i nastri del Watergate durante l’impeachment dell’allora presidente Richard Nixon, nonostante un ordine esecutivo presidenziale, una sentenza storica che accelerò la presidenza di Nixon.

E durante l’amministrazione Clinton, una corte d’appello federale a Washington si è pronunciata contro i privilegi dell’esecutivo diverse volte, e lo ha fatto in tempi relativamente brevi. La Corte Suprema non ha intralciato allora gli investigatori criminali.

L’ex consigliere della Casa Bianca Neil Eccleston ha dichiarato questa settimana che “penso che il Dipartimento di Giustizia avrà vita facile a vincere questo” se dovesse sorgere un problema con Trump che cerca di bloccare le indagini del Dipartimento di Giustizia. Eccleston ha discusso questioni di privilegio in tribunale per conto della Casa Bianca negli anni ’90.

READ  L'America salva gli Stati occidentali dai tagli alle acque del fiume Colorado, per ora

“Accadrà tra giorni. Non ci vorrà molto”, ha aggiunto Eggleston.

Eccleston ha descritto la sentenza Nixon come un test di equilibrio che i giudici devono applicare, in cui il bisogno di riservatezza del presidente è spesso insufficiente per superare le richieste di un’indagine del gran giurì federale.

L’indagine su Clinton, condotta dall’allora consigliere speciale Kenneth Starr, si concluse a favore del Dipartimento di Giustizia meno di cinque mesi dopo che l’amministrazione Clinton sperava di tenerla segreta all’ufficio del legale della Casa Bianca. E un’indagine penale separata su un membro del gabinetto Clinton, in cui gli investigatori hanno setacciato i documenti e hanno impiegato due anni per raggiungere un verdetto finale.

Negli ultimi mesi, nel caso degli Archivi nazionali di Trump contro gli investigatori della Camera, la Corte Suprema ha risolto la controversia in tre mesi.

Questa storia è stata aggiornata con ulteriori dettagli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.