Detriti che perdono dal tentativo di lancio del razzo lunare della NASA; Il prossimo tentativo è tra settimane

Cape Canaveral, Florida (AP) — Il razzo Amavasha della NASA ha subito un’altra fatale perdita di carburante sabato, costringendo i controllori del razzo ad interrompere il loro secondo tentativo questa settimana di inviare una capsula con equipaggio con manichini di prova in orbita lunare. Il volo inaugurale è ormai fermo da settimane, se non mesi.

Anche un precedente tentativo di lanciare il razzo Space Launch System da 322 piedi (98 metri), il più potente mai costruito dalla NASA, è stato disturbato da piccole perdite di idrogeno. Questo si aggiunge alle perdite rilevate durante l’esercizio del conto alla rovescia all’inizio dell’anno.

Dopo l’ultima battuta d’arresto, i responsabili della missione hanno deciso di trainare il razzo dal pad all’hangar per ulteriori riparazioni e aggiornamenti del sistema. Alcuni lavori e test possono essere eseguiti sul pad prima di spostare il razzo. In ogni caso, secondo i funzionari, saranno necessarie diverse settimane di lavoro.

Con un periodo di blackout di lancio di due settimane in arrivo tra pochi giorni, il razzo dovrebbe atterrare a fine settembre o ottobre. La NASA lavorerà attorno al volo spaziale ad alta priorità SpaceX verso la Stazione Spaziale Internazionale, previsto per l’inizio di ottobre.

L’amministratore della NASA Bill Nelson ha sottolineato che la sicurezza dovrebbe essere una priorità, specialmente in una missione di prova come questa, in cui tutti vogliono controllare i sistemi del razzo, “prima di metterci quattro persone sopra”.

“Ricorda: non inizieremo finché non sarà risolto”, ha detto.

La NASA ha già aspettato anni per inviare una capsula dell’equipaggio su un razzo attorno alla luna. Se la demo di sei settimane avrà successo, gli astronauti potrebbero volare intorno alla luna nel 2024 e atterrare nel 2025. L’ultima volta le persone hanno camminato sulla luna 50 anni fa.

READ  Le azioni Ford sono sulla buona strada per il peggior giorno in più di 11 anni

Il direttore del lancio Charlie Blackwell-Thompson e il suo equipaggio avevano appena iniziato a caricare quasi 1 milione di galloni di carburante nel razzo del sistema di lancio spaziale prima dell’alba quando si è verificata una grande perdita nel vano motore sottostante.

I controllori di terra hanno cercato di tapparlo nel modo in cui avevano gestito sversamenti precedenti e più piccoli: arrestare e riavviare il flusso di idrogeno liquido super freddo nella speranza di colmare il divario attorno a un sigillo nella linea di alimentazione. Ci hanno provato due volte, in realtà, e hanno spurgato l’elio attraverso la linea. Ma la fuga di notizie è rimasta.

Miniatura del video di Youtube

Dopo tre o quattro ore di inutili sforzi, Blackwell-Thompson ha finalmente interrotto il conto alla rovescia.

Il responsabile della missione Mike Sarafin ha detto ai giornalisti che era troppo presto per dire cosa ha causato la perdita, ma che potrebbe essere stata causata da una sovrapressurizzazione involontaria della linea dell’idrogeno quando qualcuno ha inviato comandi alla valvola sbagliata quella mattina.

“Non è una perdita gestibile”, ha detto Sarafin, osservando che l’idrogeno in fuga ha superato il limite di infiammabilità di due o tre volte.

Durante il tentativo di lunedì, sul razzo e altrove sono apparse piccole perdite di idrogeno. I tecnici hanno serrato i raccordi nei giorni successivi, ma Blackwell-Thompson ha avvertito che non saprà se tutto sarà a posto fino al rifornimento di carburante di sabato.

Le molecole di idrogeno sono molto piccole – le più piccole esistenti – e anche la più piccola fessura o fessura fornisce una via d’uscita. Le navette spaziali della NASA, ora in pensione, soffrivano di perdite di idrogeno. Il razzo Amavasai utilizza lo stesso tipo di motori principali.

READ  Il Dipartimento di Giustizia nega di aver accusato Meadows e Scovino di aver insultato il Congresso per aver violato il comitato del 6 gennaio.

In aggiunta al problema lunedì, un sensore ha indicato che uno dei quattro motori del razzo si stava surriscaldando, anche se in seguito gli ingegneri hanno verificato che in realtà era abbastanza freddo. Il team di lancio prevede di ignorare il sensore difettoso per il momento e fare affidamento su altri strumenti per garantire che ogni motore principale sia adeguatamente raffreddato. Ma il conto alla rovescia non è arrivato a tanto.

Migliaia di persone hanno affollato la spiaggia durante il lungo weekend del Labor Day sperando di vedere un razzo Space Launch System decollare.

Il volo di prova da 4,1 miliardi di dollari è il primo passo del programma Artemis della NASA per una rinnovata esplorazione lunare, dal nome della sorella gemella di Apollo nella mitologia greca.

Anni di pianificazione e miliardi di budget, Artemis mira a stabilire una presenza umana sulla luna, con gli equipaggi che alla fine vi trascorreranno settimane. È considerato un campo di addestramento per Marte.

Nel 1972, 12 astronauti hanno camminato sulla luna durante il programma Apollo.

___

L’Associated Press è supportata dal Department of Health and Science, Howard Hughes Medical Institute Department of Science Education. AP è l’unico responsabile di tutti i contenuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.