Alcuni siti Web di viaggio statunitensi sono stati messi fuori linea dopo che un gruppo di hacker russo ha chiesto un attacco

Almeno 13 hub di compagnie aeree statunitensi, tra cui Hartsfield-Jackson International Atlanta e Los Angeles International Airport — Due degli aeroporti più trafficati del paese – Non è stato possibile raggiungere un gruppo di hacktivisti russi lunedì mattina dopo averli nominati obiettivi per attacchi informatici.

Non vi è alcuna indicazione che le operazioni aeroportuali siano state interessate e il tipo di attacco informatico che si dice stiano utilizzando gli hacker non causerà danni permanenti. Ma era un segno di come un gruppo filorusso sempre più attivo chiamato Killnet stia danneggiando i siti web americani. La scorsa settimana, Gilnet Ha preso di mira i siti Web di diversi stati degli Stati UnitiColorado.gov è stato messo offline con successo per più di un giorno, interrompendo brevemente Kentucky.gov.

Killnet è specializzato in attacchi denial-of-service, o attacchi DDoS, che sovraccaricano un sito Web con traffico Internet. Sebbene gli attacchi DDoS siano generalmente considerati poco più che una seccatura, possono mettere offline i siti Web per ore o addirittura giorni.

Killnet pubblica spesso un elenco di siti Web mirati sul suo canale Telegram, incoraggiando gli altri sostenitori della Russia con abilità di hacking di livello base a unirsi allo sforzo di interrompere. Lunedì mattina, ha pubblicato un elenco di siti Web per 49 aeroporti e altri hub di trasporto aereo, la maggior parte dei quali negli Stati Uniti, come suoi ultimi obiettivi.

Un portavoce dell’aeroporto internazionale di Los Angeles ha dichiarato in una e-mail: “All’inizio di questa mattina, il sito Web FlyLAX.com ha subito qualche interruzione, ma ciò non ha influito sui voli.

READ  L'OMS afferma che l'epidemia di vaiolo delle scimmie potrebbe portare a un'infezione

“L’interruzione del servizio è stata limitata alle aree pubbliche del sito Web FlyLAX.com. Nessun sistema aeroportuale interno è stato compromesso e non ci sono state interruzioni operative”, ha affermato il portavoce.

Un portavoce della US Cybersecurity and Infrastructure Agency, la principale agenzia di sicurezza informatica del governo federale, ha affermato che “CISA è a conoscenza di segnalazioni di attacchi DDoS contro diversi siti Web aeroportuali statunitensi”.

“Ci stiamo coordinando con le aziende interessate e fornendo assistenza secondo necessità”, ha affermato il portavoce.

Il Dipartimento dei trasporti degli Stati Uniti ha rifiutato di commentare. L’aeroporto internazionale Hartsfield-Jackson di Atlanta non ha risposto alle richieste di commento.

Un’indagine della NBC News su 49 siti Web pubblicati sul canale Gilnet Telegram ha rilevato che i siti Web di diversi aeroporti, incluso Atlanta International, non si caricavano correttamente; Montgomery, Alabama; Internazionale di Los Angeles; Long Beach, California; spiaggia del Delaware; Internazionale della Florida sudoccidentale; Regione dell’Illinois centrale; Internazionale di Indianapolis; Des Moines internazionale; Jackson Municipal nel Mississippi; e St. Louis Lambert International.

Alcuni degli obiettivi di Gilnet indicano una mancanza di comprensione degli aeroporti americani. Ha elencato il sito web dell’aviazione pubblica di Chicago, flychicago.com, come inaccessibile lunedì, ma non i suoi principali aeroporti, come O’Hare International o Midway International. Allo stesso modo, ha preso di mira il sito web dello stato delle Hawaii per i viaggi aerei, che era inaccessibile, ma non Honolulu International.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.