fbpx
Tempo di lettura 3 minuti

“Disegnare è sempre un po’ come ritrarre se stessi”. Si presenta così Valentina Galluccio VAGA – artista di Napoli. Ed è proprio attraverso le sue parole e la sua arte che si è ritratta e raccontata a noi ostili.

photo courtesy VAGA

Come è nata VAGA?
Disegno da sempre ma solo da pochi anni ho iniziato a pensare all’illustrazione come lavoro.  Credo che VAGA sia nata nel momento in cui ho capito di voler vivere di questo.

Cosa significa per te fare arte?
L’arte per me è il principale mezzo di comunicazione con il mondo e in un periodo storico così “pesante” dove le le idee ed i pensieri ci vengono velatamente imposti, l’arte resta la voce più vera e autentica da ascoltare. Ci permette di aprire la mente ed essere liber*.

Vivi a Napoli. Che rapporto hai con la tua città? è in qualche modo legata alla tua arte?
L’altro giorno parlavo di Napoli con un mio amico. Lui ha detto che la nostra città è come una bellissima donna di cui sei innamorato, che però ti molla di continuo. Sono molto legata alla mia città, eppure spesso mi delude. In certi momenti capisco chi è andato via e non ha avuto la forza di lottare per rimanere qui, poi però finisco sempre per perdonarla e me ne innamoro ancora una volta. Credo che questo senso di amore/odio e di ricerca continua condizioni molto il mio modo di comunicare attraverso l’arte. Mi chiedo spesso cosa ne pensino gli osservatori.In ogni caso, il mio amico aveva ragione.

Rappresenti spesso figure femminili, elementi e paesaggi naturali: da cosa deriva questa scelta?
Adoro disegnare il corpo femminile, in generale lo trovo molto armonioso e piacevole da rappresentare, quasi rilassante. Spesso utilizzo dei simboli più che paesaggi o elementi naturali, e questo credo sia legato alla mia città.

photo courtesy VAGA

A chi ti ispiri per i tuoi lavori?
Ci sono molti illustratori, writer o animatori che seguo con passione e che sicuramente influenzano il mio modo di approcciare all’illustrazione/animazione, in generale però cerco di farmi ispirare dalla storia dell’arte, dal cinema o dalla musica.

Ti abbiamo visto coinvolta nella regia e animazione del video di “L’unica oltre l’amore” di Giovanni Truppi. Come hai vissuto questa esperienza?

È stata un’esperienza bellissima, molto stimolante e davvero gratificante. Per me è stato un onore e nonostante la faticata per realizzarlo devo dire che lo rifarei altre mille volte!

Quali sono i tuoi programmi e progetti per il futuro?
In genere cerco di non programmare troppo le cose ma so per certo che ho voglia di sperimentare e sto iniziando a lavorare su un corto animato per un progetto personale. Intanto sto terminando alcuni lavori d’illustrazione e d’animazione che spero di poter pubblicare a breve.


photo courtesy VAGA

Bio. Classe 1992, Valentina Galluccio è una giovane illustratrice e animatrice di Napoli. Dal tratto delicato e lirico, il suo stile è sempre in fase di sperimentazione. Durante gli anni ha infatti lavorato con supporti e in ambiti diversi come murales e animazioni digitali.

Entra nel suo mondo:

Instagram https://www.instagram.com/_valentinagalluccio_/

Facebook VAGA http://bit.ly/2IDkT08

  • Camilla

    Incapace di descriversi. Promette di aggiornare mensilmente la sua bio consigliando un album. Ho mancato l'appuntamento di giugno. Rimedio immediatamente. Album di luglio: Redemption - Jay Rock / https://spoti.fi/2J1Enx5 Il mio album di giugno è stato: Cupid Deluxe - Blood Orange / https://spoti.fi/322EbFk

You May Also Like

creativi tee shirt

Intervista a Creativi Tee Shirt: «Le nostre t-shirt come manifesti ambulanti»

Creativi Tee Shirt Qualche settimana fa si è svolta la seconda edizione dell’Oblafest, a ...

SHAONE - Strummolo Online

ShaOne: «Il mio Hip-Hop? Un filo teso tra la terra e le stelle»

Shaone In occasione dell’uscita del suo nuovo album, “Over” (Mrfew), prevista per la fine ...

luogo comune

L’esorcismo dello stereotipo: intervista a Luogo Comune

Sapevo che dietro quei soggetti ci fosse qualcosa di più. Da quando conosco il ...