jorit

jorit

Nella giornata di Sabato, attorno alle 19.00, siamo venuti a conoscenza dell’arresto di Jorit Agoch assieme ad un altro italiano mentre ultimava la sua opera lungo il muro di separazione israeliano. ispirata a Ahed Tamimi, l’attivista palestinese 17enne che è stata condannata a otto mesi di reclusione per aver schiaffeggiato due soldati israeliani che avevano fatto irruzione in casa sua.

La notizia non ha impiegato molto a fare il giro del web, veicolata dai social, dove sono spuntate come funghi le manifestazioni di vicinanza da parte di persone comuni e di diversi volti noti. Uno fra tutti, Polo, pioniere dell’hip hop partenopeo e fondatore della crew KTM, la stessa di cui fa parte Jorit, attualmente ancora in tour in Puglia, che ha tentanto di mettersi in comunicazione con la Farnesina per chiederne intervento immediato.

Diverse anche le iniziative di centri sociali napoletani e comitati, che sono sfociate in un presidio svoltosi questa mattina alle porte di palazzo San Giacomo, a Napoli, che si è poi spinto in corteo fino alla Prefettura, a Piazza Plebiscito, per chiedere la liberazione dello street artist.

Prescindendo dal valore fattivo che la manifestazione non ha chiaramente potuto avere nel delicato iter che vorrebbe giungere alla liberazione di Jorit, Ostile ha deciso di essere presente, non per spirito di appartenenza politica a questa o quella corrente politica, o con l’illusione che potesse servire effettivamente a qualcosa, ma per ciò che per noi significa chiedere dall’Italia di liberare un artista imprigionato a Betlemme.

jorit
Photo © Maddalena Tartaro
Photo © Maddalena Tartaro
Photo © Maddalena Tartaro

 

 

Diverse decine di persone, forse un centinaio – esasperando un’ipotesi e tenendo in considerazione partecipanti distaccatisi dopo alcuni metri – hanno partecipato al corteo (un numero ben lontano dagli attuali 1852 “parteciperò” cliccati su Facebook). Comunque si è trattato di una partecipazione diffusa fra diversi ambienti, c’era qualche giornalista di testate locali, alcuni membri dei comitati sorti recentemente nel quartiere Sanità, una delegazione da San Giovanni e, dulcis in fundo, i centri sociali.

Ci ha colpiti, e non poco, l’assenza di esponenti della comunità hip-hop locale, dei writers – eccetto uno, che lo scrivente è sicuro di aver intravisto fra la folla – e di persone che avrebbero dato un volto a quella che è una manifestazione che avrebbe avuto maggior risalto col supporto dei membri della comunità, prima che dei cittadini.

È inutile ribadire ancora una volta cosa significhi per noi l’arresto di Jorit, avendo avuto già modo di farlo anche per altri artisti che altrove si stanno vedendo privati di sogni, speranza e libertà in forza. La disobbedienza, quando evolve e diventa azione, provoca uno shock, diviene insopportabile e il solo mezzo che l’istituzione ha per fermarla, laddove ne ha la possibilità, è quello di reprimerla.

Affogarla, letteralmente, nel mentre si compie. Irrompendo sulla scena mentre Jorit ultimava il volto di Ahed, i soldati israeliani non hanno fatto altro che dare di nuovo conferma del fatto che l’artista nasce e vive in antitesi all’uomo di Stato: laddove il primo colpirà col genio, l’altro risponderà col piombo.

jorit

Tags:

  • Jeronimo

    Jeronimo, data e luoghi di nascita sconosciuti, napoletano d'adozione. Le sue principali fonti di ispirazione sono l'irriverente sincerità delle canzoni di Nino D'Angelo, gli imbattibili beat di J-Dilla e la smodata passione di cui sono pregni i romanzi rosa degli scrittori esordienti. Approda in Ostile a seguito del suo naufragio nell'oceano della scrittura. Ama definirsi "Un Ostile senza stile", la sua poetica è caratterizzata dal sapore forte dell'ignoranza e dagli opachi colori retrò, con finali note fruttate di "vino acìto".

  • Show Comments

La tua email non verrà publicata, sono obbligatori solo i campi con *

commento *

  • nome *

  • email

  • website

You May Also Like

MARIANO DE ANGELISMARIANO DE ANGELIS

MEMORIE URBANE – STREET ART FESTIVAL

Mariano De Angelis è un fotografo documentarista ed ha iniziato un’opera di catalogazione dello ...

ULTRA301 - WHOLECAR METRO NAPOLI

Napoli Back in the Days pt.2

Tra le varie città italiane anche Napoli ha avuto una scena di writing che ...

GRAFFITI MADE IN ITALY

GRAFFITI MADE IN ITALY – VENETO

Graffiti Made In Italy VENETO Graffiti made in Italy vuole raccontare la storia e ...