DOWN BY LAW

“Down by low” è una serie di dipinti su carta in cui i volti e le gocce di vernice sono protagonisti.

Sono dipinti le cui gocce di vernice liquida vengono fatte fluire attraverso un congegno che ho creato personalmente. Questo dispositivo è stato progettato proprio per sgocciolare il più possibile e mi permette di dosare la vernice come se stessi versando olio in un’insalata. Questa tecnica necessita di una realizzazione molto rapida che non lascia spazio al ritocco, di solito dipingo una decina di tele al giorno, o più, di cui solo alcune sono utilizzabili. Non tutte vanno bene, né tutte sopravvivono. Solo alcune. È il prezzo che pago per ottenere dei buoni risultati.

L’idea dei volti risale ai miei primi esperimenti nella pittura quando, come oggi, mi divertivo a dipingere teste, ritratti immaginari, ritratti di persone o atteggiamenti che il mio subconscio aveva memorizzato. Sono anche riflessi dei miei stati d’animo, il riflesso di qualcuno che mi ha colpito, con cui ho avuto un disaccordo o qualche affinità importante, qualche smorfia che ho visto, chissà dove. Si tratta soprattutto di maschere che emergono dalla pittura, come i volti che emergono dalle nostre città, le espressioni anonime nell’ambiente urbano, i volti dei nostri pari, che sono il nostro specchio.

Questi dipinti sono rigorosamente dipinti con gocce (è una chiara influenza del mio passato come “writer”) legato ai graffiti e con i “tagger”, i marker (pennarelli) che usavo per “bombardare” quando ero un soldato negli anni ’80 / ’90 a Barcellona e disegnavo sui vagoni e su qualsiasi superficie urbana. Quando sei in missione, spesso devi ricaricare i marker e spesso la quantità di inchiostro ricaricato è più alta della capacità di contenimento del marker, causando una gloriosa ed esplosiva cascata di inchiostro soprattutto quando adoperi nuovamente il marker per le prime “tag”. Nel gergo dei graffiti sarebbe qualcosa di “cattivo”, qualcosa di delizioso.

Le teste, i volti, le maschere. È un tema che riprendo più e più volte, soprattutto perché sono cariche di avventure pittoriche e questo aspetto mi entusiasma. Anche qualcosa di molto antico mi seduce, quella mia debolezza per busti di marmo, maschere africane, greche … Questi oggetti hanno un aspetto che comunica molto l’identità umana, sembrano suggerire qualcosa di molto profondo su noi stessi che non conosciamo, in qualche modo sto cercando di interpretarle.

DOWN BY LAW
DOWN BY LAW nº 2 – 29,7 X 42 cm – 2017
DOWN BY LAW
DOWN BY LAW nº 4 – 29,7 X 42 cm – 2017
DOWN BY LAW
DOWN BY LAW nº 7 – 29,7 X 42 cm – 2017
DOWN BY LAW
DOWN BY LAW nº 13 – 29,7 X 42 cm – 2017
DOWN BY LAW
DOWN BY LAW nº 16 – 29,7 X 42 cm – 2017
DOWN BY LAW
DOWN BY LAW nº 18 – 29,7 X 42 cm – 2017
DOWN BY LAW
DOWN BY LAW nº 20 – 29,7 X 42 cm – 2017
DOWN BY LAW
DOWN BY LAW nº 28 – 29,7 X 42 cm – 2017
  • Show Comments (0)

Your email address will not be published. Required fields are marked *

comment *

  • name *

  • email *

  • website *

You May Also Like

SKATE & SURF FILM FESTIVAL – 2017SKATE & SURF FILM FESTIVAL – 2017

SKATE & SURF FILM FESTIVAL – 2017

Se lo scorso weekend non eravate a Milano a godervi la prima edizione dello ...

Felipe Pantone

Pantone graffiti Felipe Pantone è un artista argentino-spagnolo. Ha iniziato a fare graffiti all’età di ...